venerdì 14 luglio 2017

Recensione "La sorella" di Louise Jensen


                            Titolo: La sorella
                                            Autrice: Louise Jensen
                                            Casa editrice: Sperling & Kupfer
                                            Prezzo del libro cartaceo: 16,07 €
                                            Prezzo ebook: 9,99 €
                                            Link per l'acquisto:

             


Le ultime parole di Charlie continuano a perseguitare la sua migliore amica Grace, che non è più la stessa da quando lei è morta. Grace è una giovane maestra che vive tranquilla con Dan, conosciuto ai tempi del liceo. E una ragazza piena di sensi di colpa, perché si è sempre sentita responsabile della scomparsa delle persone che ha amato, persino di quella della sua migliore amica Charlie. Loro due avevano un legame speciale fin da ragazzine, quando avevano nascosto insieme la misteriosa memory box di Charlie. Ora quella scatola piena di segreti è l'unico oggetto rimasto a Grace come ricordo. Al suo interno, ha trovato la lista dei desideri dell'amica: il primo sarebbe stato ritrovare il padre che non aveva mai conosciuto. Per lealtà verso quella che per lei è stata una sorella, Grace decide dunque di indagare e ben presto si imbatte in un'altra donna, Anna, che sostiene di essere la vera sorella di Charlie. Sarebbe bellissimo ritrovare una famiglia, ma il suo arrivo è accompagnato da segnali inquietanti. Gli oggetti scompaiono. Arrivano telefonate silenziose nel cuore della notte. Messaggi minacciosi. Persino Dan si comporta in modo strano. E Grace è sicura che qualcuno la segua. E tutto nella sua mente o succede davvero? Per darsi una risposta, Grace inizia un agghiacciante viaggio nel proprio passato. E in quello della ragazza che credeva di conoscere come se stessa.




"Spero che riuscirai a perdonarmi, Grace. Ho fatto una cosa orribile" 


Non so davvero da dove cominciare, ho un turbinio di emozioni addosso e le lacrime che scendono ancora ininterrotte.
Avete mai provato quella sensazione di vuoto che vi assale alla fine di un libro, che avreste voluto non finisse mai? Io la sto provando ora.
"La sorella" è il primo CAPOLAVORO di Louise Jensen e io spero che non si fermi più.
L'ho sentito mio sin dalle prime pagine, Grace, la protagonista, è molto simile a me, quindi non ho potuto fare a meno di amarla.
Per per i suoi soli 25 anni, ha vissuto già troppi lutti e di molti si sente colpevole, tra cui quello del padre e quello della migliore amica Charlie.
Mi sono immedesimata nel suo personaggio, ho pianto con lei, gioito con lei, avuto paura con lei. Ecco, per me se l'autore di un libro riesce a fare questo, ha colto nel segno.
Sono sempre un po' contraria a rivelare qualcosa nelle recensioni quindi vi dico solo che amerete anche il personaggio di Dan, il fidanzato di Grace e non potrete fare a meno di incrociare le dita per la loro storia d'amore.
Un romanzo pieno di bugie, intrighi, segreti, che metteranno la protagonista a dura prova e faranno uscire in lei una forza che non pensava di avere.
La Jensen divide il libro in capitoli, alcuni parlano del passato e altri del presente e la trovo una tecnica azzeccatissima per questi genere di romanzi.
Descrive i personaggi in maniera precisa ma senza entrare in particolari superflui. Riesce ad intrecciare le vicende senza mai farti perdere il filo del discorso.
Ho avuto il desiderio di aprire il libro ogni volta che avevo la possibilità di farlo e l'ho divorato! Come quando brami l'ultima fetta di torta al cioccolato posata sul tavolo della cucina.
Ragazzi che dirvi?! Vi consiglio vivamente di leggere questo bellissimo e avvincente romanzo che vi terrà incollati fino all'ultima pagina.
5/5 🌟🌟🌟🌟🌟






Nessun commento:

Posta un commento