venerdì 4 agosto 2017

Recensione in anteprima "Big love" di Jay Crownover

24 agosto 2017
Welcome series:
Bad love: Recensione 


Quando ti muovi in un mondo oscuro e corrotto, per dominare la situazione non devi mai mostrare di aver paura. Solo così potrai controllare strade e persone senza scrupoli. Race Hartman è sufficientemente coraggioso, intelligente e sbandato per riuscire a diventare il capo di un posto come il Point. Dove ci saranno sempre cose brutte e cattivi da mettere in riga, ma in cui un uomo forte può ridurre i danni al minimo. Race ha un piano… riuscirà a impedire l’annientamento totale di quel luogo senza distruggere se stesso? Brysen Carter ha sempre visto Race per quello che è davvero: un ragazzo bello, dolce, ma troppo pericoloso. La tentazione di crogiolarsi nel suo bagliore dorato è forte, ma Brysen sa che finirebbe per scottarsi. Ha già tanti problemi, non ha certo bisogno di crearsene altri a causa di Race. Ma quando Brysen deve affrontare una minaccia che potrebbe essere la cosa più pericolosa che il Point abbia mai prodotto, è costretta a prendere una decisione: perché l’unica persona che potrebbe aiutarla a salvarsi è proprio l’uomo che lei non può permettersi di avere.


L'attesa  finalmente  è  finita!
È  arrivato il nuovo lavoro  di  Jay   Crownover, Big love. Duro e crudo,  oserei dire quasi reale la storia di due ragazzi, figli di una città bene in cui si ritrovano per scelta  propria o degli altri e catapultati in una realtà  lontana da ogni immaginazione.
Nonostante tutte Race, giovane ragazzo ricco e ovviamente cattivo ragazzo, in questa realtà   troverà  casa come lei, Brysen, ragazza apparentemente  fragile ma con un carico enorme con sé  che, in realtà, la fortifica.
Tutti i personaggi  creati dalla zia Jay sono descritti come bad boy ma hanno un emotività  celata dietro una scorza dura.
Ho adorato questa storia, è in grado di catapultarti in un posto  che sembra quasi reale, un  luogo che davvero puoi  immaginare che sia ovunque.
Tutte  le  storie della Crownover sono collegate da un filo conduttore e mi  piace molto  vedere le sfaccettature dell'anima  di ogni personaggio e i risvolti emotivi che questa autrice crea attirando il lettore magicamente.
Per quanto venga definita trash io la trovo di una folle genialità  in grado di creare storie umane  andando oltre il romanzo New Adult.
Vi consiglio tutti  i  suoi lavori,  ma dopo Oltre i segreti, che per me è  in assoluto il piú emozionante, questo occupa il secondo posto nella mia personale classifica.
È per me un piacere consigliarvi questa lettura, poiché  credo fermamente che  vi lascerà qualcosa dentro.

Buona lettura!

1 commento:

  1. Io adoro la Crownover e non vedo l'ora di leggere "Big love" e dopo la tua recensione sono ancora più curiosa!

    RispondiElimina