mercoledì 18 aprile 2018

Recensione "Tutto il buio dei miei giorni" di Silvia Ciompi





Titolo: Tutto il buio dei miei giorni

Autore: Silvia Ciompi

Editore: Sperling & Kupfer


Prezzo cartaceo: 14,90 euro

Prezzo ebook: 9,99 euro




Camille ha vent'anni, ama lo stadio nelle domeniche di primavera, con le maniche corte e le bandiere mosse dal vento, e ama la sua curva, in ogni stagione. 
Lì salta sugli spalti, tiene il tempo con le mani: è la cosa che ama di più al mondo.
 È l'unico posto dove si sente davvero viva. 
Ma un giorno, proprio fuori dallo stadio, la sua vita si spezza. Un'auto con a bordo un gruppo di ultras la investe.
Tra di loro c'è anche lui: in curva tutti lo chiamano Teschio. 
Sembra il cliché del cattivo ragazzo, ricoperto di tatuaggi e risposte date solo a metà. 
Eppure Teschio e Camille sono come due libri uguali rilegati con copertine differenti. 
Due anime che non hanno fatto in tempo a parlarsi prima, a guardarsi meglio. 
Si sono passati accanto migliaia di volte, ma non sono mai stati davvero nello stesso posto. 
Lo sono ora. 
Ora che il dolore si è mangiato tutto ciò che Camille era.

Buongiorno, eccoci con l'ultima tappa del blog tour dedicato a Tutto il buio dei miei giorni di Silvia Ciompi. Se lunedì vi ho elencato una serie di canzoni (playlist) per accompagnare la lettura, oggi leggerete il mio pensiero sul libro.
Appena ho scoperto che la talentuosa Silvia Ciompi sbarcava in libreria con il romanzo con cui l'ho conosciuta, ho fatto salti di gioia. Grazie alla Sperling & Kupfer abbiamo uno dei pochi romanzi che meritano davvero su Wattpad nelle nostre librerie.
Ma torniamo a noi e parliamo del suo romanzo d'esordio.
Questo libro parla di Camille, una ragazza ventenne che ha una passione, ovvero lo stadio e la sua amata curva. Il suo sogno è quello di vedere un giorno la partita insieme agli Ultras e magari diventare una di loro. E tra questi Ultras c'è Teschio.



Teschio è un ragazzo di 28 anni con un passato doloroso alle spalle, lui è tutto risse e tatuaggi e non si interessa delle altre persone, tranne di un piccolo gruppo ristretto di amici e tifosi come lui, tra cui Bolo che io amo profondamente e non vedo l'ora di avere anche la sua storia in cartaceo.
Teschio e Camille si conoscono in modo strano e questa volta è davvero nel significato completo del termine. Camille però conosce bene Teschio e il suo gruppo, dato che fa parte degli Ultras.
Il destino gioca brutti scherzi e non nel senso che li fa innamorare e vivere felici e contenti.
Camille vivrà una brutta esperienza, che la distruggerà completamente.



Non so chi ha letto già il libro su Wattpad o chi ha letto l'anteprima, ma non voglio fare spoiler nonostante avviene quasi subito questa vicenda.
Teschio si sente coinvolto e anche se Camille pensavo di essere invisibile agli occhi degli Ultras, Teschio la vedeva bene.
Nasce così una specie  di amicizia piena di battibecchi, insulti, schiaffi e sputi. Si, avete letto bene. Camille al primo dialogo con Teschio, arrabbiata per la piega della conversazione e istigata da lui, lo sputa. Ma da sputo nasce sputo.
Tra i due si crea una attrazione che cercano in tutti i modi di bloccare.




Silvia Ciompi, come ti ho detto già su Wattpad e su Facebook, tu hai un talento incredibile.
Appena aprirete il suo libro, già dalla prima parola verrete coinvolte e lo sarete anche alla fine dei ringraziamenti. Questo romanzo insegna, parla di problemi veri, di salute, di felicità, di tristezza e ovviamente di amore.








Nessun commento:

Posta un commento