martedì 15 maggio 2018

Recensione in anteprima "Il segreto perfetto" di Samira Hepburn




Quando hai una vita perfetta come quella di Gracie Dwyer, non hai neanche il tempo di chiederti: come ho fatto a ottenerla? Tra l'adorabile bimba e il marito ideale che si ritrova, con una carriera di chef decollata grazie a un libro diventato subito bestseller, in procinto di aprire il proprio ristorante, Gracie ha tutto ciò che desidera. Eppure... 
Eppure nella sua vita c'è spazio per l'imperfezione. Quando conosce Juliet è per caso, ma ben presto sembra che qualcosa di molto potente leghi le due donne, le cui figlie frequentano la stessa scuola. Nonostante mille differenze, Gracie e Juliet 
diventano amiche. L'imperfezione di Juliet è evidente: mamma single priva di mezzi, un ex marito pericoloso, un passato non limpido. Eppure Gracie sembra non poter fare a meno di lei. Ma quando a Juliet succede qualcosa di irreparabile, anche nella vita di Gracie cominciano ad apparire le prime crepe… Qual è il segreto che sta dietro quest'amicizia? E come è stato possibile immaginare di mantenerlo per sempre? Nessun segreto è perfetto. E Gracie se ne accorgerà molto presto. Il debutto di 
Samira Hepburn è un thriller in cui la verità si svela a poco a poco, come le crepe di un edificio costruito sul nulla.

Non so davvero da dove cominciare, inizierò col dire che sono rimasta incollata alle pagine nonostante le palpebre facessero fatica a restare aperte!
442 pagine divorate senza nemmeno accorgermene. Nonostante io sia decisamente d'accordo con il grande Andrea Camilleri, secondo il quale un libro perfetto rientra in 180 pagine, questo romanzo non lo riuscirei a immaginare privato di alcun dettaglio, benché leggendolo possa sembrare il contario. Forse per un po di pagine la trama non sembra decollare, ma vi assicuro che tutto quello che leggerete servirà a farvi capire il finale che, per me, è stato davvero imprevedibile, tanto che ho cominciato a intuire qualcosa nell'ultima parte, quando ormai il libro era agli sgoccioi.
Inizialmente può sembrare una trama letta e riletta: Gracie, donna in cariera moglie e madre premurosa, invidiata da molti, protagonista di un programma tv che porta il suo stesso nome "A tavola con Gracie".  
Poi Juliet, donna separata e madre anche lei di una bambina, le loro strade si incroceranno, per coincidenze o intenzioni. 
Juliet non sopporta tutto lo sfarzo e l'affetto da cui è circondata Gracie e per questo vuole a tutti i costi far parte della sua vita, per cercare qualche segreto ovattato da quell'apparente vita senza macchia!
Ma vi assicuro che non é affatto la solita solfa, la curiosità vi divorerá e non riuscirete a far a meno di scoprire come va avanti.
Non so se definire questo romanzo thriller o giallo, comunque adoro i romanzi scritti nel tempo presente e oltre a questo, il lavoro di scrittura è davvero preciso, non ho perso il filo del discorso nemmeno per un istante e questo vuol dire che non mi sono distratta nemmeno un attimo (come mi succede spesso quando un libro non mi prende) e che la scrittrice è stata davvero meticolosa nel raccontare i fatti.
Non mi sorprende che Sam Hepburn, con questo lavoro, abbia riscosso successo in Inghilterra! Spero, anzi sono convinta, che questo bellissimo romanzo riuscirà a conquistare anche gli italiani.
Bene, che dire di più?! Spero che il mio giudizio vi abbia convinti a cominciare questa lettura  e posso assicurarvi che sarà davvero soddisfacente!
Io ovviamente do 5 stelline!!!


1 commento:

  1. Mi spieghi il finale? Io non l'ho capito

    RispondiElimina