giovedì 17 maggio 2018

Review Party "Le donne di casa Blackwood"


Benvenuti al Review Party dedicato al romanzo "Le donne di casa Blackwood", in uscita propri oggi per Newton Compton. Se la trama vi ispira, ma siete indecisi e volete sapere se questo è il libro che fa per voi, seguiteci attraverso le recensioni di ogni blog coinvolto e, sono certa, troverete la risposta alle vostre curiosità ;) Trovate i nomi dei blog partecipanti nello splendido banner realizzato da Francesca di Libri, libretti, libracci.


Titolo: Le donne di casa Blackwood
Titolo originale:  The life she was given
Autore: Ellen Marie Wiseman. È nata e cresciuta in un piccolo paesino nello Stato di New York. Attualmente vive sulle rive del lago Ontario con il marito. Ha scritto il suo romanzo d’esordio, La stagione dei ricordi perduti, pubblicato in Italia dalla Newton Compton, ispirandosi alle storie dei nonni e dei genitori, emigrati negli Stati Uniti dopo aver conosciuto gli orrori della seconda guerra mondiale e dello sterminio. Le donne di casa Blackwood è già un successo internazionale.
 Editore: Newton Compton
Genere: Narrativa contemporanea
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 9,90
Pagine: 384
Data d’uscita: 17 maggio 2018
Link per l'acquisto:  Le donne di casa Blackwood



Una sera dell’estate del 1931 Lilly Blackwood intravede le luci abbaglianti del circo dalla finestra spiovente della sua camera da letto. Non ha il permesso di esplorare i dintorni della casa. Non è neanche mai uscita dalla sua stanza all’ultimo piano. Sua madre sostiene che sia per il suo bene e che le persone si spaventerebbero se la vedessero. Ma quella notte calda e stellata è destinata a cambiare ogni cosa: Lilly esce dalla sua prigione e si dirige verso il tendone del circo. Più di vent’anni dopo, la diciannovenne Julia Blackwood ha ereditato dai genitori la tenuta di famiglia e la casa adiacente. Per Julia, quello è un luogo di ricordi infelici, pieno di regole ferree e stanze proibite. Tornare lì dopo tanto tempo potrebbe aiutarla a liberarsi dai fantasmi del passato? Scavare a fondo tra i segreti di casa Blackwood porterà Julia a scoprire verità scabrose e tradimenti di cui si è macchiata la famiglia, perché la sua storia è intrecciata a quella di Lilly, in fuga per trovare la sua strada nel mondo duro, a volte brutale del Circo dei fratelli Barlow.


Quando ho letto la trama di questo libro, sono stata colta dall’irrefrenabile curiosità di scoprire cosa legasse due donne, due bambine, a distanza di anni. Il mio cervello ha cominciato a macinare ipotesi e non ho potuto fare a meno di scoprire se i misteri narrati nel libro fossero simili a quelli che avevo immaginato.

Lilly è solo una bambina, ha nove anni e non ha mai visto il mondo. La sua vita è tutta in una piccola stanzetta con le sbarre alle finestra, nella soffitta di una casa mastodontica. Lilly non conosce il mondo, quello vero, quello fuori dalla sua camera. Sa solo ciò che si racconta nei libri e desidera tanto poter scoprire di più, ma non può. Sua madre, una donna ferrea e devota a una religione che non ammette sgarri, l’ha segregata, ripetendole che se il mondo la vedesse, sarebbe terrorizzato a tal punto da volerle fare del male. Lilly non capisce, non si è mai vista allo specchio, sa solo che la madre le dice spesso che lei è un abominio e perché una madre dovrebbe mentire?
Suo padre, invece, sembra più gentile, le permette di sgranchirsi le gambe anche nelle altre zone della soffitta quando la mamma non c’è, le regala un gatto che le tenga compagnia, le porta nuovi libri da leggere e una casetta per le bambole. Lilly si fida di suo padre, anche se lui non l’abbraccia mai.
Ed è per questo che, quando arriva sua madre, una notte, per dirle di vestirsi perché l'avrebbe portata a vedere il circo che si era stanziato poco oltre il loro allevamento di cavalli, Lilly non si fida. Il suo desiderio di uscire dalla sua stanzetta per visitare il mondo là fuori diventa un incubo e lei continua a non capire perchè.
L’affetto di una famiglia, l’amore di una madre e di un padre mancano anche a Julia, che a sedici anni si sente talmente fuori posto in quell’enorme casa, che pur di rifuggire un senso di colpa che non le appartiene, ma che la madre vorrebbe addossarle comunque, fugge di casa. Suo padre, l'uomo forse buono, ma perennemente ubriaco e triste, è morto e a lei non resta che iniziare una nuova vita, lontano dalle regole ferree di una madre despota e insensibile.
Due bambine, poi due donne, perché sia Lilly che Julia si ritroveranno a crescere da sole, a vivere in un mondo duro e fatto di stenti, imparando giorno dopo giorno a non crollare e a cavarsela.
Sia Lilly che Julia sono state tradite, entrambe, però, conservano nei loro cuori la bontà tipica di chi non vuole arrendersi alla cattiveria del mondo.
Inutile dire che questa lettura vi entrerà fin dentro le ossa. Resterete con il fiato sospeso, scorrerete le pagine alla estenuante ricerca delle risposte alle domande che inizieranno a martellarvi la mente, spererete che tutto si risolva nel modo migliore, vi affezionerete agli elefanti e ai cavalli, vi legherete a due protagoniste speciali, così simili nelle loro differenze, vissute in un periodo in cui essere diversi era forse più difficile di ora, alla ricerca di una felicità capace di riempire il cuore. Questa storia vi parlerà di umanità.
Devo ammettere che ho litigato con le personalità negative presenti nel libro, ho lottato con me stessa per l’impossibilità di tuffarmi in quelle pagine per difendere la piccola Lilly o abbracciare la giovane Julia. La verità è che in queste pagine c’è più vita reale di quanto mi ero aspettata, che i sentimenti e le emozioni contenuti nelle righe, positivi o negativi, fanno parte un po’ di tutti noi e che confrontarsi con essi è, a volte, più difficile di quanto ci eravamo aspettati.
Per quanto sia tentata di spoilerarvi tutto, solo per poterne parlare, mi tratterrò e avrò la pazienza di aspettare che anche voi terminiate la lettura e scopriate la storia di Lilly e Julia. Poi, spero di sapere cosa ne pensate ;)



Buona lettura.



Nessun commento:

Posta un commento