martedì 26 giugno 2018

Recensione in anteprima "Beautiful Mistake" di Vi Keeland



Quando Rachel incontra per caso, nel pub dove la sera lavora come cameriera, l'uomo che ha ammaliato la sua migliore amica senza confessarle di essere sposato, lei proprio non riesce a nascondere il suo disappunto. E così, quando lui, sentendosi osservato, le si avvicina, Rachel gli riversa addosso chiaramente quello che pensa di tutti gli uomini del suo genere: bugiardi, imbroglioni ed egocentrici. Peccato che ci sia stato un errore, e l'affascinante uomo in questione non sia quello giusto.
Rachel vorrebbe scomparire. Per fortuna, le probabilità di rivederlo sono pressoché nulle. In teoria. Perché, quando il mattino dopo Rachel arriva in università per affrontare la sua prima lezione come assistente del professor Caine West, beh, lui altri non è che la vittima della sua scenata.
Il primo sguardo tra i due, nell'aula gremita di studenti, è come una scarica elettrica. E, nonostante tutto, il professor West si ritroverà presto a infrangere tutte le regole del campus per lei.


L'estate 2018 inizia con Vi Keeland che, dopo averci conquistato con Bastardo fino in fondo (scritto a 4 mani con la collega Penelope Ward), torna in libreria con The Player, di cui vi parleremo a breve, e Beautiful Mistake, in uscita proprio oggi.
Beautiful Mistake vede protagonista un malinteso, avvenuto nel locale in cui Rachel lavora. Uno scambio di identità porta i due protagonisti in uno scontro piuttosto pittoresco.

Convinta che l'uomo di fronte a lei sia il bugiardo fedifrago che ha spezzato il cuore alla sua amica, lo insulta pesantemente, per poi rendersi conto che l'uomo è il professore a cui lei è stata assegnata come assistente.

L'attrazione tra loro è immediata, quasi si conoscessero da sempre.

«Prima le ho detto che non mordo gli studenti.» Sorrise e sentii la malizia delle sue parole saettarmi in alcuni punti interessanti. «Non lo faccio. Ma non prometto niente riguardo alle assistenti esuberanti.»

Con salti temporali tra passato e presente, la Keeland ci presenta un romanzo con un argomento tristemente attuale, inchiodando, però, il lettore fino all'ultima pagina.

Con personaggi delineati minuziosamente e uno stile particolarmente coinvolgente, Vi Keeland si distingue dalle altre autrici per uno penna tutta sua, inserendo Beautiful Mistake nel filone del New Adult.

+1/2



Nessun commento:

Posta un commento