martedì 12 febbraio 2019

Review Party "L'ultima notte" di Samantha Towle



Buongiorno! Oggi il blog partecipa al review party dell’ultimo libro di Samantha Towle, un grandissimo ritorno di un’autrice famosissima e molto prolifica, avendo già pubblicato, sempre con Newton Compton, la trilogia The Storm e due romanzi stand-alone Nonostante tutto ti amo ancoraa e Troppe volte vorrei dirti no.
Il libro di cui vi parlo oggi è L'ultima notte e fa parte della serie Revved, composta per ora da due romanzi autoconclusivi.
Entrambi i romanzi hanno come protagonisti dei piloti di Formula 1! Andiamo a vedere cosa ci riservano questi piloti e il mondo dei circuiti...





Titolo: L'ultima notte

Autore: Samantha Towle

Editore: Newton Compton Editori

Prezzo ebook: 5,99 euro

Prezzo cartaceo: 12 euro (14 Febbraio 2019)






Quando ha deciso di seguire la sua passione e diventare un meccanico di auto da corsa, Andressa “Andi” Amaro si è imposta una sola regola: mai innamorarsi di un pilota. 
Ha degli ottimi motivi per stare alla larga da quegli individui egocentrici e narcisisti e non intende infrangere il suo proposito.
 Carrick Ryan è la star della Formula 1. 
Un viso angelico e un corpo in grado di far sciogliere qualunque donna lo hanno fatto diventare uno degli uomini più desiderati in pista. 
E il suo accento irlandese non fa che renderlo ancora più irresistibile.
 Sull’asfalto e nella vita, è uno che spinge sull’acceleratore. 
Perché accontentarsi di una vita in prima quando puoi andare al massimo? 
Quando a Andi viene offerto un posto da sogno nel mondo glamour della F1, lascia la sua casa in Brasile, sicura di poter gestire uno sbruffone come Carrick. 
E invece durante il loro primo incontro volano scintille. 
Adesso che Carrick si è messo in testa di averla, non ha nessuna intenzione di arrendersi finché non avrà convinto Andi a superare tutti i suoi limiti.


Andi e Carrick sono dinamite pura: sono attrazione, scintille, passione, divertimento e amore.
Dal loro primo incontro, da quella domanda sfacciata, qualcosa scatta fra i due e da quel momento inizia una tortuosa e tormentata strada per guadagnarsi il lieto fine.
Andi ha reali e tristi motivi che l’hanno portata ad elaborare una sola regola nella sua vita: mai stare con un pilota. 

Passo la maggior parte del mio tempo con altri meccanici, tutti maschi, o con i piloti, e non esco con i colleghi: troppo complicato.
E di sicuro non voglio relazioni con i piloti. Mai e poi mai.
Sono una discesa libera verso un cuore infranto.”

Ma l’attrazione per i circuiti non l’ha mai abbandonata ed è diventata proprio un meccanico, così bravo da essere chiamata a far parte del team del pilota di Formula 1 più bravo del momento: Carrick (il cui soprannome è Carr.....).
Carrick è il tipico donnaiolo impenitente con una sola cosa in testa. Ma ben presto la sua sfacciataggine diventa solo uno dei suoi lati perché come tutti i donnaioli che si rispettino e che ci fanno innamorare è un tenerone, ha una dolcezza infinita, un bisogno viscerale di amore ed è una persona corretta e leale, una di quelle che sanno amare realmente, che quando amano lo fanno in modo totalizzante, che sanno donare un solo tipo di amore: quello che non conosce giochetti, non conosce orgoglio, così forte da spingerti a inseguire anche chi ti fa del male e ad amarlo anche quando ti fa del male, insomma l’amore del per sempre.

Voglio che tu sia sempre te stessa. Non cercare mai di essere qualcun altro. Si dà il caso che tu mi piaccia un sacco così come sei.” 

Andi e Carrick sono profondamente imperfetti, avrei voluto farli rinsavire mille volte nel corso del romanzo ma alla fine bisogna accettare tutto: perché sono stati i loro sbagli e le loro paure a permettere loro di ottenere ciò che volevano. 

Lo assecondo e lascio che mi conduca a tempo di musica. Ma mi sento in imbarazzo e un po’ ridicola. Lancio un’occhiata al ristorante dall’altra parte della strada. “La gente ci fissa”. Sussurro. “E allora, lasciali guardare. Non mi importa. Perché io non li vedo. Io vedo solo te.”

Questa è una storia che nei primi capitoli si mantiene ad un livello puramente fisico: lei continua a pensare solo a quanto lui sia bello e lui continua a non avere la forza di guardarla in faccia. Ma poi, complice l’attrazione e il loro rapporto lavorativo che li fa stare sempre più a contatto, diventano “amici”, passano tanto tempo insieme, condividono i loro sogni, qualche cartone animato e le loro vite... e resistere diventa impossibile.
Ringrazio il POV di Andi perché mi ha permesso di conoscerla a fondo e di apprezzarla come merita. È una ragazza con i piedi per terra, è semplice (pur essendo una modella mancata), indipendente e cazzuta, ma anche profondamente fragile e così spaventata da fare del male a chi ama di più (e sarà mooolto difficile comprenderla e perdonarla in alcuni momenti).

La sua espressione... Non voglio mai più vedere quell’espressione sulla faccia di nessuno. In effetti, penso di aver appena assistito a un cuore che si spezza. E mi odio per questo. Mi odio in maniera ripugnante.”

Il suo percorso è stato lungo e difficile, niente è stato semplice nè scontato e tutto è stato un’ardua conquista. 
La Towle ci ha regalato un continuo tumulto di emozioni purissime e di alti e bassi e tanti mal di stomaco. 
Due personaggi che è impossibile non amare, una storia sudata ma che mi ha fatto veramente sognare... un tour in giro per il mondo, amici veri, tante notti brave, tanto cioccolato e tante corse condiscono questa fantastica e sofferta storia d’amore! 
Non si possono non amare Andi e Carrick, che sono i personaggi della Towle che ho apprezzato di più finora. Ho divorato questo libro in poche ore e quando mi capita significa che è uno di quelli giusti!
Aspetto la storia sul prossimo pilota brasiliano che appare in alcuni momenti in questo romanzo e per il quale le cose non sono state semplicissime.
Come avrete capito, consiglio caldamente questo romanzo per chi ha voglia di una storia un po’ sofferta, ma in grado di regalare tanto.

Vi ricordo infine che Samantha sarà al Rare19 a Roma per chi volesse incontrarla!

4,5 stelline







Nessun commento:

Posta un commento