giovedì 5 dicembre 2019

"Ci vediamo presto" di Lucrezia Scali-Review Party


Che cosa è successo a Isabel e Andreas? La loro sembrava una favola: una lei, un lui e Facebook a fare da Cupido. Ma a un certo punto Isabel ha fatto una scelta e ora deve imparare a convincerci, anche se gli occhi azzurri di sua figlia sono lì a ricordarle ogni giorno a cosa ha rinunciato. E lo sa bene anche Andreas che, da quando il suo cuore si è spezzato, ha reagito nell'unico modo che conosce: alzando un muro per non innamorarsi mai più. Finché un giorno vede che il profilo Facebook di Isabel è tornato di nuovo attivo: in un attimo, il passato riemerge a tormentarlo. Andreas è deciso a riprendersela, a qualsiasi costo. Ma non può certo immaginare che la donna che ha tanto desiderato nasconda un segreto. Così grande da mettere tutto in discussione. La distanza tra loro è davvero incolmabile?


3 anni fa La distanza tra me e te mi conquistava, guadagnandosi 5 stelline.  La storia di Andreas e Isabel mi aveva affascinata e meravigliata, per il suo discostarsi da romanzi già letti e riletti.
Il finale, però, mi aveva lasciato sulle spine. Ho sperato in un continuo, che potesse farci vedere come sarebbe andata a finire con questa coppia. D'altra parte, però, ho apprezzato il fatto che fosse il lettore a dover immaginare il resto. 

L'idea di scrivere un sequel su un finale in sospeso è, a parer mio, coraggiosa. Il pericolo di cadere nel banale e nel ripetitivo è dietro l'angolo. E con questo libro, secondo me, nel ripetitivo ci siamo un po' caduti. 
La storia procede molto lentamente, ho fatto fatica a proseguirla.

Rivediamo lo stile delicato dell'autrice, che pone come personaggi secondari, ma sempre fondamentali per la storia, i cani. È questo il marchio distintivo di Lucrezia Scali. Ma, nonostante ciò, Ci vediamo presto si scosta dagli altri suoi libri, che ho amato. Non ha soddisfatto pienamente le mie aspettative, se non per quel suo stile piacevole cui sono abituata. 
Spero di leggere altre storie di questa autrice e che possa tornare ad affascinarmi. 


1 commento: