mercoledì 29 marzo 2017

Ottava tappa BlogTour "Carry on" di Rainbow Rowell

Amati lettori! Ho il piacere e l'onore di chiudere questo bellissimo BlogTour, che ci ha accompagnato per otto tappe e che mi ha dato la possibilità di lavorare con delle persone fantastiche. Oggi parliamo della Playlist da ascoltare mentre leggiamo Carry on, sia dal punto di vista di Simon che da quello di Baz, e degli estratti più significativi del libro.











 Simon
1. Black and white town-Doves
2.Galang-M.I.A.
3. Boys of Bedlam-Fullset
4.Save the life of my child-Simon&Garfunkel
5. Little Green-Joni Mitchell
6.Carry on Wayword Son-Kansas
7. Jesus was a Cross Maker-Judee Sill
8.Sugar Boy-Beth Orton,Victor Van Vught
9.How Shall I love thee?-Rose Polenzani
10. Renegade-Styx
11. Bohemian Rhapsody-Queen
12. Morning has broken-Yusuf
13. Carry on-Fun

Baz
Death's Door-Depeche Mode
Lonely in your Nightmare-Duran Duran
Bloodsport-Raleigh Ritchie
My Antarctica-Duran Duran
Can't be sure-The Sunday's
Death with Dignity-Sufjan Stevens
Home By Now-Bombay Bicycle Club
Boy Lilikoi-Jónsi
Open-Rhye
Burning-Wild Beasts
Young and beautiful-Lana Del Rey
Save a Prayer-Duran Duran
Invisible-Wild Beasts






 



lunedì 27 marzo 2017

Prima tappa BlogTour "L'Universo nei tuoi occhi" di Jennifer Niven

Ciao a tutti! Oggi ospitiamo la prima tappa del blogtour che vede protagonista il nuovo libro di Jennifer Niven, L'universo nei tuoi occhi.


Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

Continuate a seguire le tappe del blogtour, perché una tappa CERCA CASA!



Tutto quello che dovete fare è:
-rispondere sotto ad ogni post del BlogTour con la risposta alla domanda di quel post, e la vostra mail;
-iscriversi ai lettori fissi dei blog partecipanti;
-mettere mi piace alla pagina Facebook DeAgostini.

Quanto è importante e allo stesso tempo difficile essere diverso dagli altri al mondo d'oggi? 





Seconda tappa BlogTour "La ladra di ricordi" di Barbara Bellomo

Ciao a tutti!
Oggi ospito la seconda tappa di un blogtour che vede come protagonista il nuovo libro di Barbara Bellomo per Salani, La ladra di ricordi.
Vi consiglio di continuare a leggere questa copia perchè, a fine blogtour, avete la possibilità di vincere una copia cartacea di questo libro! 


 
La ladra di ricordi“Il primo caso per Isabella De Clio, professione archeologa.”

Cosa accomuna l’omicidio, ai giorni nostri, di una dolce, vecchia signora dalla vita irreprensibile e i grandi protagonisti dell’età repubblicana – Cesare, Lepido, Cicerone, Marco Antonio, la crudele moglie Fulvia e la piccola Clodia? È quello che dovrà scoprire un terzetto stranamente assortito, chiamato in causa per l’occasione. Isabella De Clio, giovane archeologa siciliana specializzata in arte antica, è bella, volitiva, preparatissima, ma ha un motivo particolare per temere la polizia. E il fatto che l’affascinante Mauro Caccia, l’uomo che la affianca nelle indagini, sia un commissario non l’aiuta più di tanto. Con loro c’è anche Giacomo Nardi, depresso professore di museologia e beni culturali… È l’inizio di una storia che intreccia la Roma del I secolo a.C. e l’Italia contemporanea, gli antichi intrighi politici e i mediocri baroni universitari dei nostri tempi,la violenza che si nasconde tra le mura di casa e la precarietà in cui i ragazzi di oggi, anchei migliori, sono costretti a crescere e a diventare adulti. Un romanzo fresco e ricco d’atmosfera, che si muove con agilità tra passato e presente, per un esordio che non passa inosservato. 

               
                                   



                                 


InkWorld                              
Il libro sulla finestra
Chiarabooklover
Bookitipy
Living among the books page
La libreria di Emma Braccani





Per provare a vincere una copia cartacea di questo libro tutto quello che dovete fare è:
-Iscrivervi ai lettori fissi di tutti i blog che partecipano all' iniziativa, trovate i link diretti sopra.
-Seguire i profili del blog su Instagram e quello della Salani e di Barbara Bellomo.

Recensione La prima stella della notte di Susan Elizabeth Phillips

Piper Dove è una ragazza ambiziosa e determinata: il suo sogno è diventare la migliore detective di Chicago e riscattare un passato difficile e tormentato. Il suo primo incarico consiste nel pedinare Cooper Graham, celebre ex quarterback dei Chicago Stars, una vera e propria star in città. Peccato che venga scoperta quasi subito... Ora che rischia di perdere casa e agenzia, Piper non ha altra scelta che accettare il lavoro nel club alla moda di Cooper, lo Spiral, ma la vita dell’ex campione negli ultimi tempi è diventata piuttosto movimentata e rischia di coinvolgere la ragazza in affari ben più pericolosi di una crisi finanziaria. Qualcuno ce l’ha con Cooper e sta facendo di tutto per sabotare le sue attività e minarne la popolarità. Piper sa che ormai è troppo tardi per slegare il proprio destino da quello di un uomo che la attrae terribilmente e che sente poter essere quello giusto. Perché niente intriga di più lo spirito competitivo di uno sportivo che una sfida impossibile: conquistare una donna spaventata dai sentimenti.

Un nuovo, eccitante capitolo di una delle saghe romance più acclamate. La storia complicata e pericolosa di una donna disposta a rischiare il tutto per tutto per la vita che sogna di conquistare.


Recensione...
Iniziato questo libro non riuscivo a farmi coinvolgere e trascinare dalla storia che leggevo, nè a legare con i personaggi, che mi sono rimasti indifferenti e non mi hanno lasciato nulla. La storia che ne è venuta fuori si è rivelata banale e simile a tanti romanzi già letti, è mancato quel tocco di particolarità che cerco sempre nei libri: il classico stereotipo dello sportivo alto, bello e sexy già letto e straletto milioni di volte; lei la ragazza della porta accanto che si innamora di lui (guarda caso). Spezzo una sola lancia a favore del personaggio femminile, che in alcuni atteggiamenti mi ha fatto sorridere, rivedendomi spesso in lei. 
Avevo sentito parlare molto bene della Phillips, la consideravano la Regina del Romance o quasi. Beh, sinceramente questo libro è stato una delusione, non ha suscitato nessuna emozione in me , quindi non mi sento di consigliarvelo.

domenica 26 marzo 2017

Recensione "Un piccolo favore" di Darcey Bell

Ciao a tutti amati cuori librosi, oggi vi parlo di un thriller un po' particolare, da cui mi aspettavo davvero tanto ma che mi ha lasciato leggermente perplessa, tanto che non sono riuscita a procedere la lettura fino alla fine, terminandola. Ciò che ho letto mi è bastato per parlarvi di questo libro.

Tutto ha inizio con un piccolo favore tra madri. «Puoi passare tu a prendere Nicky?» chiede Emily alla sua migliore amica, Stephanie. E Stephanie, mamma di Miles, è felice di dare una mano, guidata dall'urgenza di essere utile, di sentirsi in qualche modo importante per gli altri. Quel giorno però Emily non torna a prendere suo figlio, e non risponderà alle telefonate, né ai messaggi. Stephanie, preoccupata, smarrita, si avvicina al marito della sua amica, Sean, gli sta accanto e si prende cura di lui e del bambino. E col passare dei giorni si innamora. Poi la notizia. Un corpo è stato ritrovato nelle acque del lago, e la polizia conferma: si tratta di Emily. Suicidio, il caso è chiuso. Ma è davvero così? Presto, Stephanie si renderà conto che niente è come sembra, e dietro l'amicizia, l'amore, o anche la semplicità di un piccolo favore, si nascondono invece una mente subdola e un disegno perverso e diabolico. Un piccolo favore è un thriller psicologico ad alto tasso adrenalinico, ricco di imprevisti e colpi di scena, denso di segreti e rivelazioni, che scivola tra amore e lealtà, morte e vendetta. Qui Darcey Bell ci presenta due figure femminili opposte, eppure per certi versi affini, di cui il lettore capirà presto di non potersi fidare.

Potete fidarvi davvero della vostra migliore amica?
Pensate di conoscere ogni suo segreto?
 Ogni particolare della sua vita?

Recensione...
Fin dalle prime pagine, si stava rivelando una lettura piacevole e davvero molto interessante: flashback, descrizione dei personaggi a dir poco perfetta. Stephanie è vedova, mamma di Miles e migliore amica di Emily. Emily è il solito personaggio dal carattere forte, che vuole trasmettere agli altri un' immagine diversa di sè. 
Poi, la perfetta moglie devota Emily ci rivela qualcosa che mi lascia, nel vero senso della parola, spiazzata. Ci riporta un fatto accadutole da giovane, che mi ha lasciata a fissare il libro con uno sguardo interrogativo. Dopo la morte di suo padre, quando lei aveva diciotto anni, si presentò a casa sua un uomo, che sembrava identico al padre da giovane. Così la madre prese la foto del loro matrimonio e la affiancò alla finestra, facendo notare alla figlia la tanto evidente somiglianza. Il ragazzo entra in casa e le due donne ridono, dicendo "Penso che possiamo anche saltare il test del DNA", e continuano a ridere. Ma stiamo scherzando? Si presenta a casa un uomo identico a tuo padre o a tuo marito, che è morto da pochissimi giorni, (oltrepassiamo il fatto che nessuno sapesse dell' esistenza di questo ragazzo) e voi ridete? Io non ho parole, davvero. Mi ha lasciata scioccata. Ah, e dulcis in fundum, ci vanno a letto insieme. Non riescono più a stare lontani. Ma, di nuovo, stiamo scherzando? Oltre il fatto che hai un ragazzo, che tralasciamo perchè ormai è diventato un optional, quello è tuo fratello. Puoi essere presa dalla passione quanto vuoi, ma quello è ugualmente tuo fratello. Puoi non averlo mai visto, ma quello ha comunque il tuo stesso sangue. E come si giustifica? "Avevo solo diciotto anni. Ero una bambina." Una bambina? A diciotto anni? Okay, non sei matura quanto dovresti, ma non giustifica il fatto che tu sia stata con tuo fratello, assolutamente.
Dopo queste cose il mio parere è praticamente cambiato e la lettura è diventata molto lenta, con una mancanza di colpi di scena che mi ha fatto riflettere. Il fatto che la narratrice, Emily, avesse un blog, cosa che ho apprezzato inizialmente, ha iniziato a darmi fastidio. Si dava molta più importanza a David, marito ormai defunto di Emily, e al dolore di questa per la sua mancanza, che alla scomparsa di Stephanie, cose che avrebbero dovuto eliminare.
Per me è un assoluto NO, una delusione assurda. 
1/5

sabato 25 marzo 2017

Anteprima "Tutte le stelle del cielo" di Angela Contini

Autore:Angela Contini
Editore:Newton Compton
Data d'uscita: 4 Maggio 

La vita di Kyle Hawkins è alla deriva. Quando viene arrestato per guida in stato d’ebbrezza, possesso di stupefacenti e tentata violenza su una ragazza, il padre lo spedisce nel Vermont ad aiutare il nonno, che ha un negozio di fiori. La provincia è l’inferno per Kyle che, senza amici, va nell’unico bar della cittadina a ubriacarsi; ma è proprio  lì che lavora Katherine Hutchinson, la vicina di casa del nonno con mille problemi, innamorata di Kyle da sempre. Sarebbe meglio per entrambi stare lontani, ma Kathy è ancora attratta dal ragazzino di quattordici anni a cui ha dato il primo bacio, mentre l’attaccamento di Kyle alla ragazza diventa un modo per scacciare i suoi demoni.


Angela Contini è una sognatrice. Vive in un piccolo paesino con il marito e il figlio. Tutta la pioggia del cielo è il suo esordio nel mondo dei libri di carta. Su Facebook la trovate alla pagina Angela C. Ryan, Sogni e Parole.

mercoledì 22 marzo 2017

Recensione "L'amore è per noi" di Francesca D'Isidoro

Ciao a tutti! Oggi ho il piacere di parlarvi di un bellissimo romanzo, opera della bravissima Francesca D'Isidoro che, dopo averci conquistato con "L'amore non è per tutti", scoperto dalla Rizzoli YouFeel dopo il self, torna a parlarci della dolcissima storia d'amore tra Vittoria e Alessio. Potete trovare la recensione de L'amore non è per tutti qui.


Alessio è un ragazzo sulla trentina, bello, ricco e di successo. Ma ha commesso un grande errore: si è lasciato sfuggire la donna della sua vita, Vittoria, per sposarne una che non ama, anzi disprezza. D’allora, non c’è stato giorno in cui non si sia pentito della sua scelta. Il destino però, si sa, alle volte ti concede un’altra occasione. Tra esilaranti battibecchi, fortuite coincidenze, amici stravaganti che non vedono l’ora d’intromettersi e altre rocambolesche avventure, Alessio tenterà di riconquistare il cuore dell’unica donna che abbia mai amato. Perché un uomo, quando è innamorato, sa essere più tenace di cento donne messe insieme…

Breve romanzo molto interessante. Alessio capisce di amare ancora Vittoria dopo averla delusa, così fa di tutto per riconquistarla, lasciando la moglie  Barbara per prima cosa. 
Vittoria, bella e maniaca dello shopping, dopo la rottura con Alessio, inizia un'altra storia d'amore con Gabriele, un ragazzo dagli occhi blu.
Alessio non riesce  a smettere di pensare alla sua Vittoria... 
Così dopo svariati tentativi riesce a riconquistare il cuore della sua bella...
La prova che certi amori sono degni di vivere per sempre!  Se amate una persona non  abbiate paura di confessarlo, il tempo è denaro! 
Personalmente mi ha appassionata, perché è un libro che è vero, in amore spesso si perde la speranza, ma bisogna comunque crederci! 
Consiglio a tanti lettori, amanti di romanzi rosa e storie d'amore, di leggerlo. 
Tanti complimenti alla scrittrice, che ha scritto in modo semplice e lineare questa storia!

Anteprima "Distorted Fables" di Deborah Simeone per Mondadori


DEBORAH SIMEONE
                              DISTORTED FABLES
 Che me ne faccio di un principe? A salvarmi ci penso da sola.

Chrysalide • euro € 16,00 • pagine 180


pubblicazione marzo 2017

C’era una volta, in un tempo non troppo lontano, una principessa dai lunghi capelli biondi e dai grandi occhi scuri...
Che sia chiaro: la protagonista di questa storia non è la solita principessa delle fiabe. Non è né magra né alta, e neppure bella da far girare la testa. E poi con la gente è spesso intrattabile, dura e spigolosa, proprio come il suo nome, Rebecca. Per lei non ci sono castelli incantati, fatine o scarpette di cristallo, ma un monolocale umido in un condominio chiassoso, e lunghe serate passate in solitudine
a guardare serie tv, con in grembo un gatto birmano e nella testa una valchiria-grillo parlante che la sprona a non darsi mai per vinta. Le cose cambiano, però, il giorno in cui Rebecca inizia a lavorare come portinaia in un bel palazzo nel centro di Milano. Qui, nonostante la sua avversione per i
rapporti umani, la sua vita si intreccia con quella di alcuni condomini: un settantenne stravagante, ostinatamente aggrappato al ricordo della moglie, una giovane donna devota a un marito che la tradisce neanche tanto di nascosto e una ragazza stregata da un uomo freddo e calcolatore.
Tutte fiabe d’amore, e tutte imperfette, come imperfetta è la vita di Rebecca, che ha smesso di credere al “vissero per sempre felici e contenti” nell’istante in cui il suo principe azzurro, anziché salvarla e poi giurarle amore eterno, l’ha
mollata senza troppe spiegazioni a un binario della stazione.
Ma chissà che Rebecca non scopra, anche grazie ai suoi nuovi amici, che proprio nell’imperfezione si nasconde il segreto per trovare qualche momento di vera felicità...

Dall’autrice di una delle pagine Facebook più seguite e citate sul web, una fiaba moderna piena di ironia e invenzioni, un romanzo sincero e scoppiettante, che non potrà che divertire e appassionare i lettori.
Deborah Simeone da diversi anni scrive d’amore su
Facebook nella sua pagina Distorted Fables. Anche lei, come la protagonista del libro, vive a Milano e fa la portinaia in un bel palazzo signorile. Quando non lavora e non va in palestra, si chiude in casa a scrivere, in compagnia dei suoi due gatti. Questo è il suo primo romanzo.

venerdì 17 marzo 2017

Seconda tappa Blog Tour "Gli strani casi dell'amore" di Judith Sparkle

Ciao a tutte! Oggi ospito la tappa di questo bellissimo libro! 
Parleremo dell' ambientazione, la libreria "La tana dei libri". Commentate questa tappa con quello che più vi piace di una libreria, potete vincere una copia cartacea di questo libro!




"La sera, spinto dalle parole della sua fidanzata, Michael uscì in strada e s'incamminò verso la libreria. C'era freddo e spirava un'aria frizzante dall'oceano. Alzò il bavero del cappotto e aumentò la velocità dei passi per scaldarsi. La sensazione che la sua vita stesse imboccando un punto morto gli gravava sulle spalle ed il senso d'inquietudine l'opprimeva in maniera schiacciante. Peccato non poter fumare contro il nervosismo. Era un momento pessimo per diminuire il suo ritmo di lavoro: la società concorrente stava tentando l'acquisizione di una start-up innovativa e, se l'operazione fosse andata in porto, avrebbe dato loro del filo da torcere. Michael era preoccupato e gli investitori pure. Non ci voleva doversi chiudere in Day Hospital: al momento non aveva avvisato nessuno dei suoi capi sulle sue condizioni di salute.
Quando arrivò, si stupì. Non era un moderno Bookstore come aveva immaginato, ma una di quelle librerie un po' antiquate o vintage. Sollevò lo sguardo: un'insegna cigolante sbatacchiava oscillando avanti e indietro: La tana dei libri.
Guardò l'ora sul suo orologio indeciso se entrare: le diciannove. Avrebbe dovuto essere a casa o ad un aperitivo con Anika anziché stare lì impalato. La vetrina era bene allestita: c'erano delle zucche di Halloween insieme a candele, ad altri ammennicoli e a romanzi con le loro belle copertine lucide che attiravano l'attenzione. Era da un po' che non ne leggeva uno. Chissà quale gli avrebbe consigliato quella tizia, o che cosa avrebbe capito di lui vedendolo. Unicamente spinto dalla curiosità, allungò la mano, spinse la porta ed entrò.
L'atmosfera era calda e gradevole, e fu colpito da una fragranza simile a cannella o qualche altro aroma cui non sapeva dare il nome. C'era poca gente: mancava poco all'orario di chiusura. Si guardò intorno: alcune persone erano ferme a curiosare davanti a pile di libri esposti, ne sollevavano qualcuno, poi lo rimettevano giù e ne prendevano un altro. Michael si chiese se ne avrebbero acquistato uno.
Anche all'interno erano disposte zucche arancioni di varie dimensioni dipinte a mano con all'interno candele accese e altri abbellimenti per la ricorrenza imminente.
Una voce lo sorprese alle spalle.
«Desidera qualcosa? »
Michael si voltò di scatto, vagamente infastidito di non essere lasciato in pace come gli altri clienti. Forse erano abitudinari e la commessa li conosceva.
«Prego?» domandò.
La donna di fronte a lui era snella e slanciata, bionda, con un taglio scalato. Ne vedeva decine di donne di quel tipo: alte, magre, bionde, con poco trucco, vestite in maniera ordinaria da grandi magazzini (nella sua mente era apparsa la parola dozzinale ma, per educazione, l'aveva cacciata): una mantellina in tartan, jeans e stivali da cavallerizza. Niente a che vedere con i morbidi abiti di Anika.
Michael scosse la testa imbarazzato. «Do solo un'occhiata in giro...» farfugliò, sempre più convinto di aver sbagliato a mettere piede lì dentro.
La bionda gli sorrise tranquilla. «Come desidera» e fece dietrofront. Con la coda dell'occhio notò che era andata a posizionarsi dietro un banco da lavoro con vari libri impilati parte per parte e un cartello appeso con la scritta: CONSIGLI LIBRARI.
Dunque, era lei la famosa donna che azzeccava sempre i libri da consigliare."

giovedì 16 marzo 2017

Blog tour "Un piccolo favore" di Darcey Bell

Ciao a tutti, oggi ho il piacere e l'onore  di presentarvi un fantastico thriller, che uscirà domani per la Rizzoli. La mia tappa si occuperà degli estratti piú significativi del libro. Spero vi piacciano, fatemelo sapere con un commento!

Mia madre diceva sempre: tutti hanno dei segreti. Ecco perché non si riesce mai a conoscere davvero qualcuno. O a fidarsi di qualcuno. Ecco perché non si riesce mai a conoscere davvero se stessi. A
volte abbiamo segreti persino con noi stessi.

La mia migliore amica è scomparsa. Non se ne hanno notizie da due giorni. Si chiama Emily Nelson. Come sapete, non pubblico mai i nomi
dei miei amici sul blog. Adesso, però, per ragioni che capirete presto, sono costretta a sospendere (temporaneamente) questa rigida politica
di anonimato.

Dopo che il film è finito, ho chiesto a Emily: «Pensi che nella realtà qualcuno potrebbe mai fare una cosa del genere?».
Emily è scoppiata a ridere. «La mia dolce, ingenua, Stephanie. Resteresti a bocca aperta se sapessi quello che le persone sono capaci di
fare. Cose che non ammetterebbero davanti a nessuno... neanche a se stesse.»

Le mamme sanno quanto è difficile farsi una bella nottata di sonno senza l’eco di certe storie spaventose che ti rimbomba nelle orecchie.
Prometto sempre a Emily che leggerò più libri della Highsmith. Ma adesso vorrei non aver letto quello in particolare.

E quando la tua migliore amica scompare, non è certo il genere di storia a cui vuoi pensare. Non che io pensi che il marito di Emily, Sean, potrebbe farle del male. Ovviamente tra loro c’era qualche problema.
In quale matrimonio non ce ne sono? E io non sono certo la fan numero uno di Sean. Ma fondamentalmente è (credo) una brava persona.

Sono due giorni che non si fa vedere, che non mi chiama e che non risponde ai miei messaggi e alle mie telefonate. È successo qualcosa
di brutto. È svanita nel nulla. Non ho idea di dove sia.

Era una bella sensazione dire una cosa che non avrei mai potuto dire a mio marito. Se lui mi avesse chiesto che cosa intendevo con folle e
io glielo avessi spiegato, la vita così come la conoscevamo sarebbe finita. Naturalmente quella vita è finita lo stesso. La verità trova sempre
il modo di venire a galla.

Fu durante uno dei periodi in cui stavamo mantenendo davvero la nostra promessa che conobbi Davis. Il bravo ragazzo per eccellenza, purché non lo si contraddicesse sul colore di una vernice o la collocazione di un divano. Com’era solido, perbene e generoso! Aveva a cuore il pianeta, il futuro. Voleva una famiglia, una casa. Era così onesto, così sincero. Sembrava che vivesse in un mondo pieno di luce in cui le persone facevano le cose giuste e non andavano a letto con i loro fratellastri.


Continuate a seguire il blog tour di questo fantastico libro! 





mercoledì 15 marzo 2017

Anteprima "Un'anima che vibra" di Loredana Frescura e Marco Tomatis

16 marzo ebook
30 marzo libreria

Sinossi
Domenica, detta Mimì, diciassette anni, vive con la mamma Caterina e la zia Diletta a Roma. Da un giorno all’altro la sua famiglia si trasferisce in un piccolo paese, Piandiperi, dove la fabbrica presso cui Caterina lavora come operaia ha aperto un nuovo stabilimento.
Per Mimì si tratta di un cataclisma che stravolge la sua esistenza tranquilla e rassicurante. Ma proprio in quel paese “sbagliato dalla A alla Z”, dove a dispetto del nome non c’è l’ombra di un albero, e un ragazzo dalla pelle d’ambra può chiamarsi Gaetano e sfrecciare a bordo di un carretto, Mimì, che si sente “sbagliata dall’uno all’infinito”, finirà col trovare sé stessa. Soprattutto, guarderà con occhi nuovi sua madre e scoprirà che non è affatto la donna rinunciataria e fredda che ha sempre creduto. Dietro un’apparenza remissiva e dimessa, Caterina nasconde una forza e una vitalità che Mimì non avrebbe mai immaginato e che sono quanto di più importante una figlia possa imparare dalla madre.

Una storia intrisa di gioia e dolore, poesia e stupore, proprio come la vita.


Bio
Loredana Frescura è nata a Papiano, un piccolo borgo della provincia di Perugia, tra campi di girasole, colline di ginestre e molto cielo. Da oltre vent’anni pubblica storie a volte forti, a volte tenere di ragazze e ragazzi che cercano di coltivare i propri sogni. Appassionata di cinema, ama pedalare piano con la sua bici.

Marco Tomatis è nato a Mondovì, vicino Cuneo, dove ha lavorato come insegnante. Ha ideato sceneggiature per fumetti, creando personaggi che hanno visto la luce su diversi giornali, e scrive romanzi per un pubblico di bambini e adolescenti.

Insieme hanno firmato diversi libri, tradotti anche all’estero. Con Fanucci Editore hanno pubblicato Il mondo nei tuoi occhi, vincitore del premio Andersen, Un anno dopo, l’amore, Forever, Il quinto battito del cuore, Come Checco detto finocchio si salvò.

martedì 14 marzo 2017

Anteprima "Prima di noi" di Aida Dumond



    TRAMA: Certi segreti devono restare tali. È ciò che pensa Thomas Foster, un uomo dall'animo complicato, con un passato doloroso e un presente difficile. A quarantadue anni si ritrova a un passo dal fallimento e non sa come uscirne. Tutto sembra perduto fino a quando non vede lei: una ragazza triste dagli stupendi occhi verdi. La osserva da lontano per giorni, mentre solitaria e malinconica prende la funivia per Manhattan, ma non trova il coraggio di parlarle. Quando si decide a farlo, lei sparisce. Quell'incontro non incontro ha su di lui un effetto del tutto inaspettato e gli fa ritrovare la voglia di combattere. Deciso a parlare alla ragazza triste, torna più volte nel luogo dell’incontro, senza mai rivederla. Ma si sa, il destino muove fili misteriosi e così, cinque anni più tardi, lei torna nella sua vita e Thomas decide che non la lascerà sparire di nuovo tra la folla. L'uomo però non è l'unico a nascondere dei segreti. Anche lei, la trentaduenne Jacqueline Flores, ne nasconde di inconfessabili e pericolosi, che metteranno a rischio il loro amore appena nato. Tra bugie, ricatti e conflitti irrisolti, dovranno fare i conti con il loro passato, per proteggere il loro fragile presente e costruirsi un futuro insieme. Quel futuro che nessuno dei due sperava di poter avere prima di incontrarsi. Prima di loro. 

    BIOGRAFIA AUTRICE:  Aida Dumond è nata nel 1983 sotto il segno del Leone. Diplomata al liceo socio-psico-pedagogico, è iscritta alla facoltà di Lettere e Beni Culturali. Normanna del sud, ama la letteratura nelle sue varie sfumature e sogna da sempre di diventare una scrittrice. Ha diversi gatti e un cane.

    lunedì 13 marzo 2017

    Novità Mondadori

    Un romanzo ricco di azione, l’inizio di una nuova stagione di avventure della acclamatissima serie “StarCraft” firmata Blizzard Entertainment. Dopo un conflitto durato un decennio, le tre potenti fazioni che si sono combattute brutalmente – gli enigmatici protoss, i selvaggi zerg e i terran – hanno finalmente stabilito il cessate il fuoco, ma la pace è tutto tranne che stabile. Quando si viene a sapere cheun pianeta zerg incenerito tempo addietro è misteriosamente
    “rinato”, la tensione esplode. La neutralità si trasforma in aperta ostilità e gli zerg vengono accusati di aver sviluppato armi biologiche letali per rinfocolare il conflitto. Una spedizione di soldati e di ricercatori terran e protoss dovrà fare luce sul misterioso pianeta “risorto” e sulle intenzioni
    dei suoi abitanti. Ma il lussureggiante paesaggio alieno è dimora di ben altri abitanti, creature avvolte dalle ombre che, se liberate, potrebbero cambiare il destino dell’intera
    galassia. Basandosi sul ricco universo del gioco omonimo, il pluripremiato autore Timothy Zahn ci regala l’ultimo capitolo della sorprendente saga di “StarCraft”, una storia originale e indimenticabile.


    Timothy Zahn è autore di più di quaranta romanzi, quasi novanta racconti e novelle, e quattro raccolte di racconti.
    Nel 1984 vinse l’Hugo Award per la migliore novella di fantascienza. Zahn è conosciuto soprattutto per i romanzi di “Guerre stellari”, tra gli altri: L’erede dell’Impero, Sfida alla Nuova Repubblica, L’ultima missione, Spettro del passato, Visione del futuro e Contrabbandieri. La sua produzione include anche la saga fantascientifica “Cobra” e la serie per ragazzi “Dragonback”. Ha una laurea in Fisica
    conseguita all’Università del Michigan e una
    specializzazione all’Università dell’Illinois. Vive con la famiglia sulla costa dell’Oregon.



    “Ciao a tutti. Spero per voi che siate pronti, perché sto per raccontarvi la storia della mia vita. O meglio, come mai è finita. E se state ascoltando queste cassette è perché voi siete una delle ragioni. Non vi dirò quale nastro vi chiamerà in causa. Ma non preoccupatevi, se avete ricevuto questo bel pacco regalo, prima o poi il vostro nome salterà fuori... 
    Ve lo prometto.” Quando Clay Jensen ascolta il primo dei nastri che qualcuno ha lasciato per lui davanti alla porta di casa non può credere alle sue orecchie. La voce che gli sta parlando appartiene ad Hannah, la ragazza di cui è innamorato dalla prima liceo, la stessa che si è suicidata soltanto un paio di settimane prima. Clay è sconvolto, da un 
    lato non vorrebbe avere nulla a che fare con quei nastri. 
    Hannah è morta, e i suoi segreti dovrebbero essere sepolti con lei. Ma dall’altro, il desiderio di scoprire quale ruolo ha avuto lui nella vicenda è troppo forte. Per tutta la notte, quindi, guidato dalla voce della ragazza, Clay ripercorre gli episodi che hanno segnato la sua vita e determinato, in un 
    drammatico effetto valanga, la scelta di privarsene. Tredici motivi, tredici storie che coinvolgono Clay e alcuni dei suoi compagni di scuola e che, una volta ascoltati, sconvolgeranno per sempre le loro esistenze. 
    Con più di due milioni e mezzo di copie vendute soltanto negli Stati Uniti, Tredici, romanzo d’esordio di Jay Asher, è uno dei libri più letti dai ragazzi americani, e ora anche una serie televisiva prodotta da Netflix. 
    Jay Asher vive in California, è stato bibliotecario e libraio in ogni tipo di libreria, da quelle indipendenti a quelle di catena. Tredici è il suo romanzo d’esordio e, fin dalla pubblicazione, nel 2007, è stabilmente nella classifica dei bestseller del «New York Times». Ora è anche una serie originale Netflix in tredici puntate.



    Ti chiami Samantha. O Sammie, per la famiglia e gli
    amici. Mi correggo, la mia unica amica. Non è il caso di strafare. Hai una cotta pazzesca per Stuart Shah, che potrebbe essere interessato a te ma anche no. Hai una malattia rarissima. La cosa peggiore di questa malattia, a parte il fatto che è mortale, è che ti sta facendo perdere la memoria. Qui tu prendi nota di tutto, anche dei giorni no, perché avrai bisogno di ricordare anche quelli, prima o poi.
     “Se stai leggendo queste parole, probabilmente ti stai chiedendo chi sei. Sei me, Samantha Agatha McCoy, in un futuro non troppo lontano. Sto scrivendo queste righe per te.
    Dicono che la mia memoria non sarà più la stessa, che comincerò a dimenticare le cose. Per questo ti scrivo. Per ricordare.”
    Samantha aveva in testa un piano ben preciso. Per prima cosa vincere il campionato nazionale di dibattito, poi trasferirsi a New York e diventare un affermato avvocato per i diritti umani. E infine, ovviamente, conquistare Stuart Shah, il ragazzo di cui è pazza. Tra lei e i suoi progetti però si mette in mezzo la rara malattia genetica di cui è affetta e
    che poco alla volta – così dicono i medici – le porterà via lamemoria e la salute. Ma tutto si può dire di Sammie tranne che sia una diciassettenne che si abbatte facilmente. A un destino tanto assurdo, infatti, decide di opporsi con tutte le sue forze. E lo fa nell’unico modo che conosce: scrivendo.
    In un diario assolutamente non convenzionale, indirizzato alla sua futura sé e ribattezzato Libro delle cose che non voglio dimenticare, inizia ad annotare tutti i momenti belli
    (e meno belli) della sua vita: dal riavvicinamento al suo più vecchio e caro amico ai mille modi che lui si inventa per farla ridere, al primo romanticissimo appuntamento con il suo grande amore. E poi, ancora, dalle persone che le hanno spezzato il cuore a quelle che glielo hanno “aggiustato”.
    Perché se davvero lei dovrà andarsene presto, almeno lo farà con la consapevolezza di aver prima assaporato tutto ciò che la vita poteva regalarle. Un romanzo tenero e delicato, una storia struggente che non abbandonerà facilmente il lettore, neanche dopo che avrà letto l’ultima pagina e riposto il libro sullo scaffale.

    Lara Avery vive a Minneapolis, Minnesota, dove scrive per la rivista letteraria «Revolver». Questo è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.

    martedì 7 marzo 2017

    Blogtour Festa della donna 2017

    Ciao a tutti! Buona festa delle donna, lettrici! Oggi ospito la prima tappa di questo blogtour in occasione della festa delle donne, quindi fino al 14 Marzo vi terremo compagnia parlandovi di una delle tante donne che sono rimaste nella storia o che hanno fatto la storia. Io ho il piacere di parlarvi della mia eroina, Audrey Hepburn, icona mondiale di stile e di classe. Continuate a seguire il blogtour, perché ci saranno in regalo due bellissimi libri inerenti a questo percorso.



    Audrey Hepburn, nata Audrey Kathleen Hepburn Ruston (Bruxelles4 maggio 1929 –Tolochenaz20 gennaio 1993), è stata un'attrice britannica. Cresciuta tra Belgio,Regno Unito e Paesi Bassi, dove visse sotto il regime nazista, durante la seconda guerra mondiale studiò danza per poi approdare alteatro e infine al cinema.
    Nel corso della sua carriera lavorò con Billy WilderGeorge Cukor e Blake Edwards, oltre che con attori del calibro di Gregory Peck,Humphrey BogartGary CooperCary Grant,Rex HarrisonWilliam HoldenPeter O'Toole eSean Connery e divenne famosa grazie a ruoli come quello di Gigi in uno spettacolo teatrale tratto dall'omonimo romanzo della scrittrice francese Colette (1951), interpretazione che le valse il Theatre World Award per i debutti teatrali, della Principessa Anna in Vacanze romane (1953), interpretazione che le valse l'Oscar come migliore attrice, di Holly Golightlyin Colazione da Tiffany (1961) e di Eliza Doolittle nel film musicale My Fair Lady(1964). Altri importanti film cui prese parte sono Sabrina (1954), Sciarada (1963) e Come rubare un milione di dollari e vivere felici(1966). 



    Negli anni settanta e ottanta apparve sempre più raramente sul grande schermo, preferendo dedicarsi alla famiglia. Nel 1988 fu nominata ambasciatrice ufficiale dell'UNICEFe, da quel momento fino alla sua morte, si dedicò assiduamente al lavoro umanitario, in riconoscimento del quale ricevette nel 1992 laMedaglia presidenziale della libertà(Presidential Medal of Freedom)[1] e nel 1993 ilPremio umanitario Jean Hersholt (Jean Hersholt Humanitarian Award).
    Vincitrice di un Oscar, di tre Golden Globe, di un Emmy, di un Grammy Award, di quattroBAFTA, di due premi Tony e di tre David di Donatello, la Hepburn fu una delle figure di spicco del cinema statunitense degli anni cinquanta e sessanta. L'American Film Institute ha inserito la Hepburn al terzo posto tra le più grandi star della storia del cinema[2]e ha una sua stella sullo Hollywood Walk of Fame, al 1652 di Vine Street.


    Giveaway:
    1. Iscriversi ai lettori fissi di tutti i blog che ospitano il blogtour.
    2. Mettere Mi Piace su Facebook alle pagine Imprimatur e Pink edizioni e su Instagram.
    3. Condividere su Instagram la foto del calendario sotto e taggare @giuliabac23.