giovedì 3 maggio 2018

Recensione "Lola" di Melissa Scrivner Love



Autore: Melissa Scrivner Love

Editore: Newton Compton Editori

Prezzo ebook: 0,99 euro

Prezzo cartaceo: 9,90 euro

Genere: Fiction/Thriller

Pagine: 332

Link acquisto: https://www.newtoncompton.com/libro/lola


La Crenshaw Six è una gang di Los Angeles in forte ascesa, recentemente coinvolta in una guerra tra cartelli della droga rivali. Sembra che i componenti della Crenshaw Six siano guidati da un uomo di nome Garcia… nessuno sospetta che il vero leader della banda (e la loro arma segreta) è la fidanzata di Garcia, una giovane e brillante donna di nome Lola. Lola ha imparato a recitare il ruolo della fidanzata sottomessa, e nell’ambiente maschilista dove si muove si sente costantemente sottovalutata. Ma in verità lei è molto, molto più intelligente – e per molti versi più feroce e spietata – di qualsiasi uomo, e dato che la banda è sempre più coinvolta in situazioni ad alto rischio di violenza e brutali tradimenti, le sue abilità e la sua possibile leadership diventano l’unica speranza di sopravvivenza. Lola segna l’esordio di una nuova eccezionale scrittrice di thriller, e la nascita di un personaggio come non se n’erano ancora visti nel mondo della narrativa contemporanea.

Una pericolosa gang
Una ragazza che diventerà presto leader

Lola è un personaggio inedito nella narrativa contemporanea

Devo dire che è la prima volta che mi ritrovo a leggere un libro riguardante delle gang. Ci ritroviamo tra dei sudamericani tra cui vive Lola, una donna che fa il capo nascosto della gang del suo uomo Garcia, attività principale è lo spaccio. Molto legata al fratello Hector, a cui bada sin da piccola a causa dell’inutilità della madre dovuta all’uso di droge pesanti.
Lola è un personaggio intrigante perchè, oltre a  essere spietata per quanto riguarda il suo lavoro, si ritrova nelle vesti di donna e madre improvvisata. Conosceremo così due aspetti della protagonista ed è proprio tutto ciò a dare una svolta alla storia del romanzo, nonostante la novità di avere come capo gang proprio una donna: Lola.
Sostanzialmente l’ho letto tranquillamente perché si legge senza fatica, non è un libro che leggerei di nuovo ma lo consiglierei come lettura diversa dal solito.



"Nessun bacio andrà bene se è l'ultimo. Il fatto che tutti e due sappiamo che potrebbe essere l'ultimo ha reso quel momento

troppo pesante per dargli qualunque significato."

-Lola





Nessun commento:

Posta un commento