martedì 5 dicembre 2017

Recensione "Fracture" di Barbara Bolzan

Salve carissimi, oggi vi parlo di un libro che mi ha totalmente sconvolta, ed è Fracture di Barbara Bolzan, edito Delrai Edizioni!
Colgo l'occasione per fare i complimenti all'autrice e a Malia Delrai per averla scoperta e per il lavoro splendido che fa ogni giorno. Personalmente, ho scoperto la sua casa editrice poco tempo fa e me ne sono innamorata! Vi giuro, mi è capitata tra le mani (letteralmente, perché l'ho scoperta su instagram!) proprio nel momento in cui stavo iniziando a demoralizzarmi. Sto entrando nel mondo dell'editoria a passi brevi e lenti e devo dire che quello che vedo non mi piace affatto, ma la scoperta della Delrai mi ha decisamente tirato su di morale! Quindi complimenti ancora per la serietà e la passione con cui svolgete il vostro lavoro❤

Cominciamo!

Titolo: Fracture (Rya Series #1)
Autore: Barbara Bolzan
Editore: Delrai Edizioni
Prezzo: 2,99 (ebook), 14,03 (Cartaceo)

All’inizio di tutto, c’è un uomo. C’è sempre un uomo: Nemi. Lui che è il capo di un villaggio in lotta contro l’impero, lui che la salva mentre è ferita sulla riva di un fiume. Rya si risveglia a Mejixana e impara a vivere una nuova realtà, così diversa da quella a cui è abituata. La gente sembra accoglierla con benevolenza, mentre lei nasconde un segreto che potrebbe mettere tutti in grave pericolo, compreso il ribelle che la tratta in maniera sprezzante e non si fida della nuova arrivata. Tra loro c’è una lotta in corso di soli sguardi e niente è davvero come sembra: la frattura tra presente e passato rischia di confondere i sentimenti della giovane. La storia di una ragazza che combatte per diventare donna e conquistare il diritto di poter amare in un romanzo che vi terrà incollati alle pagine per il susseguirsi dei colpi di scena con cui l’autrice riesce a pennellare il carattere dei suoi personaggi. Benvenuti nel mondo di Temarin, benvenuti nel cuore di Rya.

"Ridevo di lei perché non capivo. Perché il mio guaio era di non essere mai stata innamorata. Perché ancora non avevo conosciuto Nemi. Ora era il mio turno."
La prima cosa che mi ha colpito di questo romanzo è in assoluto la copertina - le VARIE copertine perché tutta la quadrilogia è fantastica, ragazzi😍 Si tratta, infatti, di una serie composta da quattro libri: Fracture, Sacrifice, Deception, Awaken (in uscita a gennaio). Devo dire che quando ho iniziato Fracture non mi aspettavo nulla del genere! Vedendo la copertina, i miei occhi di bambina 23enne mai cresciuta non potevano immaginare un fantasy romantico e medievale senza nessun riferimento al mondo magico. Ma la cosa non mi ha infastidito né lasciato con l'amaro in bocca, perché andando avanti tutto ha acquistato un senso e la storia si è costruita da sé, delineandosi in modo magistrale anche - e soprattutto - grazie allo stile lineare e elegante della scrittrice, che tratteggia un mondo a tratti affascinante, a tratti spaventoso. 
«Non ho mai visto una simile miseria» mi lasciai scappare. Procedevo al fianco di Nemi, tenendomi il più possibile vicino a lui, che conduceva Susch per le briglie. 
«Fino a oggi, non avevate visto niente.»
Rya di Temarin è una principessa cresciuta tra gli agi e gli sfarzi, ed è la piccola della famiglia dei Niva. Adora la sorella Alsisia, che le ha insegnato tutto ciò che sa. Il loro legame, però, nel momento in cui Rya si trova lontana da casa non le è più molto d'aiuto. Alsisia aveva sempre preso tutte le decisioni per lei e la famiglia, ma ora...
"No, il ricordo di mia sorella non poteva aiutarmi. Al momento, non avevo nessuno che potesse prendere decisioni al posto mio, che agisse e tornasse, poi, a raccontarmi esultante il risultato positivo, a servirmi il raggiungimento dello scopo su un bel vassoio. Per tutta la vita avevo dormito, oziato, avevo lasciato che altri decidessero la mia esistenza. Adesso ero pronta ad agire."
Ora che la situazione è precipitata - e non ho intenzione di spoilerarvi altro della trama perché DOVETE LEGGERLO!!! - Rya è costretta a cavarsela da sola e oltretutto deve vedersela con il capo del villaggio di Mejixana e dei ribelli, un brigante cocciuto e donnaiolo di nome Nemi. 
Ho adorato il loro rapporto ostile. Lui non fa altro che ricordarle quanto è viziata, odiosa, egoista, altezzosa e ignorante riguardo alla situazione del suo mondo. Ma quando sono costretti a "convivere" per un certo periodo di tempo, le cose cambiano. Entrambi iniziano a conoscersi meglio e lei vede un uomo  eroico...
"Un uomo abituato fin da bambino a rimboccarsi le maniche. Era ovunque, sempre, e mai con le mani in mano."
Mentre Nemi si rende conto che Rya non è così ingenua come credeva. La scopre, invece, molto furba, attenta, indagatrice, e capisce di averla sottovalutata. Ma Rya, in effetti, è cambiata moltissimo da quando tutto è iniziato e quasi non si riconosce.
"Oggi ripenso alla ragazza che ero. Non mi riconosco. Mi guardo indietro e vedo un'estranea, un oggetto che ho riposto nel luogo sbagliato e quindi dimenticato. Ho smarrito la strada per capire la Rya di allora. Non rimpiango di averla persa per sempre. Ero così spaurita, così fragile, così superficiale. Così innocente. E' l'unica cosa che mi manca, di quella Rya ora sconosciuta: la sua innocenza." 
Insomma, questo primo romanzo è stato inaspettatamente entusiasmante! Dico "inaspettatamente" perché tutto mi aspettavo tranne un fantasy storico con al centro il viaggio - letterale e figurato - di due persone completamente diverse costrette a sopportarsi per mesi. Senza la solita love story di cui sono stufa e strastufa e senza che venga svelato nulla dei loro infiniti segreti che trapelano dalle pagine così facilmente che quasi ti sembra di sentirli sussurrare anche se non riesci a coglierne il senso... Adoro. E adoro l'alone di mistero, la suspense e i colpi di scena creati magistralmente dalla scrittrice. Mi sono chiesta varie volte, durante la lettura, come sia riuscita a costruire un universo così completo e vivido... Incredibile. Lo stile di scrittura, inoltre, come dicevo prima, è fluido, lineare e rende immediata l'immedesimazione nei personaggi, di cui riesci a sentire le emozioni sulla pelle. E' una sensazione a cui non potete proprio rinunciare, perciò vi consiglio vivamente questo libro e i suoi seguiti, che devo procurarmi al più presto😍 
Grazie alla Delrai Edizioni per avermi permesso di conoscere questa grande autrice e la sua bellissima opera!!
Chi di voi già la conosceva? 

Alla prossima recensione

3 commenti:

  1. Cara Martina, sono felicissima che il viaggio di Rya, questo grande prologo a quella che poi sarà la storia vera e propria, ti abbia coinvolto così tanto!! Ti ringrazio per la meravigliosa recensione... Leggendola, mi sembrava di rivivere ogni singola scena del romanzo!

    RispondiElimina
  2. Ciao Martina, sono contenta di aver letto la tua recensione. ❤
    Non conoscevo questa scrittrice, ne tanto meno i suoi libri, devo dire che è stata una piacevole scoperta, mi è piaciuta davvero tanto la tua recensione, lo aggiungo subito in lista. ❤
    Gli estratti mi hanno affascinata molto, ammetto di essermi anche emozionata in alcuni punti. ❤
    Dei gran belli personaggi. ❤

    Partecipo con molto piacere a questo evento. ❤
    Ho commentato le tappe precedenti, e condiviso solo le prime due. ❤
    Seguo il blog con il nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Seguo la vostra pagina Facebook del blog "Il Libro Sulla Finestra- Blog" con il nome: Elysa Pellino
    ( Ho condiviso solo i primi due post come da regolamento, gli altri li leggerò e li commenterò tutti, ma senza condividere perchè altrimenti Facebook mi blocca le condivisioni )
    "Mi sono iscritta al vostro evento Facebook cosi resto aggiornata sulle nuove tappe" ❤
    Grazie per la partecipazione!!
    Buona Fortuna a Tutti. ❤

    RispondiElimina