venerdì 18 gennaio 2019

5 motivi per leggere "L'amore non ha ragione" di Angela Iezzi

Buongiorno, splendori!
Oggi è una giornata speciale! State per leggere i 5 motivi per cui non dovete assolutamente perdervi il nuovo romanzo di Angela Iezzi, in uscita il 22 gennaio!
Sono sicura di riuscire a convincervi con appena qualche riga, quindi restate con me!

Autore: Angela Iezzi
Titolo: L'amore non ha ragione
Editore: Butterfly Edizioni
Data d'uscita: 22 gennaio



Faith ha diciotto anni e una caratteristica particolare: un quoziente intellettivo di 187. Nonostante il suo genio, è pessima nelle relazioni interpersonali, piuttosto rigida, cinica ed estremamente razionale. Vive di certezze e vuole avere il controllo su ogni cosa, emozioni comprese. Killian è il ragazzo più popolare di Yale e il suo giro di amicizie e frequentazioni è talmente ampio da renderlo una celebrità al campus. Affascinante, determinato, trasandato, sicuro di sé e attento osservatore, non è abituato a sentirsi contraddire. Per lui è facile catturare l’attenzione di qualsiasi ragazza, tranne lei, la secchiona che se ne sta sempre sulle sue, indecifrabile e inavvicinabile. Le loro strade, agli antipodi, sono destinate a incrociarsi nell’aula dell’unico corso che seguono insieme. Il loro primo incontro? Un disastro, i due non si sopportano. Così diversi da odiarsi al primo sguardo, non fanno altro che punzecchiarsi a ogni occasione. Ma, per quanto si possano calcolare le distanze ed evitare i sentimenti, l’amore, illogico e inspiegabile, è sempre in grado di sorprendere.

1. I protagonisti

Faith è una diciottenne con un quoziente intellettivo di 187. È praticamente un genio! Non male, vero? Se non fosse che è fin troppo razionale. Il cinismo se lo mangia a colazione e questo non le rende molto semplice socializzare con i suoi coetanei.
Killian, invece, è l’esatto opposto. È lo studente più popolare dell’università, con un’autostima parecchio superiore al quoziente intellettivo di Faith. Ma non riesce a fare colpo su di lei, e questo lo irrita profondamente.
La forza di questi personaggi sta nella loro originalità. Personalmente mi ha stupìto il modo dell’autrice di caratterizzarli, non avevo mai letto una storia simile prima. Nulla è fuori posto, tutte le loro scelte hanno un senso, sono perfettamente studiate e in linea con le loro personalità (affatto semplici, oltretutto). Ho adorato quella sensazione di ansia e sorpresa per ogni azione o dialogo che non riuscivo a prevedere, e sicuramente lo adorerete anche voi!
“Non vengo stigmatizzata per il mio cervello, non mi deridono per la mia intelligenza, qui si limitano a evitarmi, tutt’al più a ignorarmi, il che mi va bene, capisco di risultare strana ai loro occhi e, in fondo, non mi dispiace essere lasciata in pace, in fondo non è che io sia una di quelle persone che si possono definire socievoli, anche se non credo neanche di essere una spiacevole compagnia alla fin fine.”

2. I dialoghi

Esilaranti. Non nel senso che ti pieghi in due dalle risate, ma proprio per via della loro imprevedibilità. I battibecchi di Faith e Killian sono una continua sorpresa e questo, a parer mio, rende la storia fresca e vivace.
«Tu mi stai volutamente offendendo», gli faccio notare, tornando a sistemarmi gli occhiali.
«Affatto. Io ti solo chiedendo, da circa dieci minuti, cosa vuoi ordinare», mi propina la sua versione dei fatti.
«Affibbiandomi appellativi poco educati e comportandoti da perfetto idiota». Di solito sono molto più diplomatica, o per lo meno ci provo, ma con lui tutta la mia pazienza si esaurisce dopo il primo minuto di conversazione. Non credo che potrei tollerarlo per più di un quarto d’ora e siamo prossimi al limite al momento.
«Tu mi dai dell’idiota e sarei io quello maleducato?», mi domanda innocente. È piuttosto evidente che, dei due, quello che accusa meno i colpi dell’altro è lui.
«Io non ho detto che sei un idiota. La mia conoscenza della tua persona è ancora troppo superficiale perché io possa affermare una cosa simile. Ho detto che ti stai comportando da idiota. È diverso».
«Hai uno strano modo di avere a che fare con le persone», ribatte, dopo un attimo di silenzio. Sembra stia riflettendo, ma non riesco a immaginare su cosa.
«E questo cosa vorrebbe dire?». Lui mi fissa, come sempre, e questo mi infastidisce.
«Sei strana», risponde.
«Wow, la tua capacità esplicativa rasenta il nulla più completo».

3. Lo stile fluido e scorrevole

Si legge tutto d’un fiato, letteralmente. Non si riesce a smettere, e non è solo merito della storia interessante. Lo stile di Angela è lineare ma allo stesso tempo elegante. Ogni pagina scorre una meraviglia e neanche te ne rendi conto. In altre parole, non troverete solo una trama appassionante, ma anche un tipo di scrittura estremamente piacevole. 

4. L’impostazione della storia non smielata ma riflessiva

Be’, ve l’avevo anticipato. I due sono destinati a stare insieme, questo lo sappiamo. Ma l’autrice non usa espressioni smielate o colpi di scena banali e prevedibili. Entrambi sono a dir poco scioccati di scoprire i propri sentimenti, fanno di tutto per non cascarci e fingersi disinteressati fin quasi alla fine, anche perché non comprendono appieno l’emozione che provano. E ho trovato questo aspetto della storia molto realistico e finalmente diverso dai soliti instalove che dominano il genere romantico al giorno d’oggi.
Insomma, non ci conosciamo neppure e poi non è il momento opportuno per innamorarsi. Devo ancora laurearmi, conquistare il mio posto nel mondo, trovare un lavoro, realizzarmi. L’amore sarebbe solo un impedimento per i miei progetti, per non parlare di comportamenti più che bizzarri delle persone innamorate. Sembrano perdere la ragione e agire per puro istinto. Esattamente quello che io non potrei mai fare.

5. Uno sguardo veloce alla sociologia

L’autrice se la cava alla grande nella materia, e lo fa presente in parecchie occasioni, a partire dal primo dibattito (ok, discussione) tra Faith e Killian. Finalmente due protagonisti che fanno discorsi interessanti! Inoltre, il romanzo è intriso di nozioni sociologiche/psicologiche. Sembra quasi che i personaggi si psicanalizzino tra loro, è una cosa fighissima! Non parlo solo dei protagonisti, ci sono tanti personaggi secondari (soprattutto la famiglia di Faith) che hanno un ruolo fondamentale nella sua crescita. Uno di questi mi ha colpito particolarmente: si tratta della nonna di Faith, che a parer mio pronuncia una delle frasi più belle di tutto il romanzo. Vi lascio un piccolo estratto del loro discorso e vi auguro buona lettura!
Spero di avervi convinto❤
«L’amore spaventa perché ci rende diversi, in qualche modo ci modifica, rendendoci capaci di azioni e pensieri che non avremmo mai creduto possibili, ma la verità è che ci migliora, permettendoci di fare cose al di sopra delle nostre capacità».
«Perché mi sta dicendo questo?»
«Perché penso che tu sia una ragazza intelligente che sa usare tanto il cervello e ancora poco il cuore».


2 commenti:

  1. E vabbe', un altro grazie qui mi sa proprio che non potevi evitartelo Martina :P Thanks a lot a te e a tutto il blog <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è meraviglioso, quindi è stato un piacere immenso!
      Ti auguro tanto tanto successo❤

      Elimina