mercoledì 12 dicembre 2018

Review Party "Oltre l'infinito" di Angela Contini





Titolo: Oltre l'infinito

Autore: Angela Contini

Editore: Newton Compton Editori 

Prezzo ebook: 1,99 euro

Serie: Hunted series #3




È passato parecchio tempo dall’ultima volta che Dakota ha visto Jay, l’ibrido che genera il fuoco. Dopo aver combattuto fianco a fianco, condividendo ben più della lotta, l’aliena, che oramai si era rassegnata a perderlo per sempre dopo aver realizzato di amarlo, non si aspetta di rivederlo.
Quando accade, chiamati entrambi per compiere una nuova missione contro antichi e nuovi nemici, entrambi si rendono conto di non essersi affatto dimenticati. La passione è quella di sempre, l’antipatia anche, ma stavolta Dakota non è disposta a concedere più nulla a Jay e Jay non è disposto a cedere al desiderio di favola dell’aliena. Fino a quando un evento inaspettato non metterà in pericolo la vita di Dakota. 

Ciao a tutti!! Eccoci qui oggi per parlare del terzo ed ultimo romanzo della serie Hunted di Angela Contini, pubblicata da Newton Compton (che ringrazio per averli pubblicati a brevissima distanza l’uno dall’altro): Oltre l’infinito.
Dopo i primi due romanzi, Universi sconosciuti (recensionee Polvere di stelle (recensione), che ci hanno raccontato la storia di Abby e Kevan, questa volta tocca a Dakota e Jay, che abbiamo già conosciuto nei romanzi precedenti e ci avevano profondamente incuriosito con la loro storia tormentata.

L’ombra del nemico, questa volta umano, è spietata, e in un groviglio di eventi in cui Dakota e Jay rischieranno il tutto per tutto, anche il loro rapporto subirà drastici cambiamenti, che li porteranno a cambiare radicalmente il punto di vista sul loro complicato rapporto.

Credo che rispetto alla trama non si debba aggiungere assolutamente nulla, dice anche fin troppo! In ogni caso sconsiglio la lettura della recensione a chi non ha letto i romanzi precedenti.

Nei precedenti libri infatti abbiamo conosciuto entrambi i protagonisti, in particolare Dakota, che ha avuto un POV tutto suo e ci ha fatto permesso di conoscerla.
Dakota è il personaggio che secondo me ha vissuto una crescita ed una evoluzione più profonde rispetto alla prima volta che la vediamo all’inizio di universi sconosciuti: così, da ragazza insopportabile e vanitosa, con un lungo percorso arriva a scoprire tutti i suoi punti deboli, a riconoscerli e ad uscire dal suo guscio duro e apparentemente insensibile. La sua vita infatti è stata sconvolta, tutto ciò che credeva essere vero e giusto non lo è più e quella che credeva essere la sua famiglia ha smesso di esserlo dall’oggi al domani, trasformandosi nel nemico.
E di conseguenza quelli che erano i nemici, gli ibridi, sono diventati la sua famiglia... e molto di più. 

Ne è passato di tempo da quando Dakota credeva di essere innamorata del cognato di Jay... anche se dopo che hanno scoperto la forte passione che li unisce, Jay è salito a bordo della sua moto ed è scomparso.
E proprio da qui riprende il secondo romanzo: sono passati alcuni mesi, in cui Dakota ha sentito la mancanza dell’ibrido di fuoco in maniera viscerale e inaspettata, mentre Jay ha dovuto fare i conti con un’altra perdita immensa: quella di Emily, sua sorella.

La storia di Jay e Dakota trasporta questo romanzo verso tinte meno young adult rispetto ai precedenti. La loro storia è molto fisica, fatta di sensazioni, lotte, combattimenti, fuoco ed elettricità... tanto che Dakota per lungo tempo è convinta che ci sia una sola cosa che Jay vuole da lei.

Dakota: “è la cosa più bella che abbia mai visto e mi fa battere il cuore così rapidamente che tempo non si calmerà mai più. Se solo fosse mio... se solo potessi averlo... se solo riuscisse a darmi il suo cuore, non solo il suo corpo. È li che risiede la sua anima, ed e di quella che mi importa di più. È quella che voglio toccare. È a quella che voglio appartenere. Voglio camminarci dentro. Sapere che è mia.”

“Le briciole. Mi bastano le briciole, perché se dovessi vendergli la mia anima dovrei pagare un prezzo troppo alto per il resto della mia vita”


La loro storia, come anche quella di Kevan ed Abby, ha come sfondo una nuova lotta di potere e la necessità di difendersi da chi vuole sfruttare l’enorme potenziale costituito da alieni ed ibridi.
Tra alleanze, nuovi personaggi e nuovi intrighi, Dakota e Jay si rincontrano, fanno fuoco e fiamme e ci fanno soffrire fino alla fine.

Jay: “Ha finto tutto il tempo, fino a che non abbiamo combattuto. È sempre stato così fra noi. La rabbia ci avvicina, tira fuori il peggio di noi e forse anche il meglio. Ora la vedo per quello che è. Una ragazza che ha sopportato un abbandono e lo ha subito nel peggiore dei modi.”

Ho trovato questo romanzo assolutamente convincente, diverso dai precedenti e, così come questi erano adatti alla storia dei protagonisti, anche in Oltre l’infinito ho percepito che la storia fosse proprio quella adatta a questi due guerrieri, induriti dalla guerra e dal dolore, che conoscevano solo i litigi e che imparano invece a conoscere l’amore. Se a questo aggiungiamo la presenza di Abby e Kevan, sempre innamorati, un po’ folli e assolutamente e semplicemente simpatici, ne ricaviamo una lettura molto piacevole, che alterna momenti di profonda rabbia e passione a momenti di dolcezza e paura.

Jay: “mi guardano tutti. Ma l’unica a vedermi è lei, Dakota. Il suo sguardo è una specie di carezza e mi fa sentire protetto, sì, proprio così, protetto. Non è lascivo, non è imbarazzato, non è disgustato. È ammirato, è... amorevole. La parte amorevole è quella che mancava nella mia vita e ora che c’è, mi sento disorientato e, non so, felice?”

La Contini per me si conferma ancora una volta una delle nostre autrici migliori, che avrò anche il piacere di incontrare al FRI2019!






1 commento: