giovedì 27 giugno 2019

Review Party "Un'ultima speranza" di Layla Hagen




Titolo: Un'ultima speranza

Autore: Layla Hagen

Editore: Hope Edizioni

Prezzo ebook: ??? euro

Prezzo cartaceo: 15,90 euro



Il matrimonio di Aimee sarà indimenticabile: il suo vestito, il fidanzato e l'idilliaco ranch in Brasile in cui avrà luogo, ogni cosa è perfetta. 
Ma tutti i suoi progetti s’infrangono quando il jet privato che la sta portando dagli Stati Uniti al Brasile, dove il fidanzato l’attende alla vigilia delle nozze, ha dei problemi tecnici e il pilota è costretto a effettuare un atterraggio di emergenza, proprio nel cuore della foresta amazzonica.
Impossibilitati a raggiungere la civiltà, per Aimee e Tristan – il pilota – l’essere soccorsi è l’unica possibilità. 
Una flebile speranza che pian piano si inaridisce, lasciando il posto alla disperazione, perché la morte, nella giungla, può arrivare sotto molte forme: fame, malattie, animali.
Aimee e Tristan combattono per la sopravvivenza e, nel frattempo, si avvicinano. 
Insieme scoprono che affrontare angosce scolpite nell’anima da un passato doloroso, richiede un coraggio persino maggiore dell’affrontare la foresta pluviale.
Nonostante la devozione per il suo fidanzato, Aimee non può nascondere i suoi sentimenti per Tristan, un uomo per il quale sta lentamente diventando tutto.
Ci sono molte cose che puoi nascondere nella foresta pluviale. 
Ma non le bugie. 
O l’amore.
Questa è la storia di un uomo alla disperata ricerca di perdono e della donna che gli fa conoscere di nuovo la speranza.
 È una storia in cui l’istinto di sopravvivenza mette le ali e si trasforma in un bellissimo e intenso sentimento d’amore.
 Un amore proibito.

















Buongiorno a tutti, oggi di parlo di uno dei libri più belli del 2019 che mi ha conquistata dalla trama, ovvero Un'ultima speranza di Layla Hagen.
Un'ultima speranza vede come protagonisti Aimee, una ragazza pronta a sposare il suo fidanzato storico, e Tristan, ex-soldato e pilota del jet privato del fidanzato di Aimee.
I due sono in viaggio insieme per poter raggiungere il Brasile in occasione delle nozze. Durante il volo, però, c'è un problema ai motori, quindi Tristan è costretto ad atterrare nel bel mezzo della foresta amazzonica. 
I due così si ritrovano dispersi nel nulla e lontani dalla vita e dalla civiltà.
Non possono chiamare aiuto, l'unica cosa che devono riuscire a fare è sopravvivere.
Giorno dopo giorno, il loro rapporto cambia. Da un rapporto strettamente lavorativo, tra i due iniziano ad affiorare dei sentimenti. 

"Pensavo che il legame che si è creato tra noi qui nella foresta pluviale fosse amicizia. Ma forse è qualcosa di più. Forse provo qualcosa di più di quello che penso, per quest’uomo che non è solo la persona più forte che io abbia mai incontrato, ma sembra anche più intenzionato a tenere in vita me che se stesso."
(Tratto dal romanzo)

La passione che compare tra Tristan e Aimee è primordiale. Lei capisce che quello che provava per il suo promesso sposo non era amore, ma un forte affetto.
Tristan ha sempre ammirato Aimee come persona e dopo averla conosciuta come amica, impara ad amarla.
Come sfondo a questa storia d'amore da brividi abbiamo la foresta, i suoi rumori, i suoi abitanti, tanto affascinanti quanto pericolosi.

"Non hai bisogno che io sopravviva" dice lui.
"Hai ragione. Non ho bisogno che tu sopravviva. Ho bisogno che tu viva."
(Tratto dal romanzo)

La storia di Aimee e Tristan è una storia che ti lacera il cuore e te lo ricompone in ogni pagina, ad ogni situazione.
I sentimenti che nascono tra i due sono veri, fanno capire che anche nei momenti di sopravvivenza si ama. Profondamente.
Lo stile di Layla Hagen mi è piaciuto un sacco. E' stata fenomenale nel descrivere tutto nei minimi dettagli. Durante la lettura mi sembrava di essere nella foresta con loro.
Questa storia è semplicemente perfetta, dal titolo alla cover fino ai contenuti.
Anche il finale è perfetto. 
L'amore di Tristan e Aimee è incancellabile e va oltre tutto.
Spero che questa storia vi possa fare compagnia e che vi innamoriate anche voi  di Aimee e Tristan.
Io non vedo l'ora di conoscere l'autrice al Rare19, il prossimo settembre.
Grazie alla Hope edizioni per averci portato questa spettacolare autrice in Italia.
Alla prossima!





Aimee

Il mio ultimo volo come Aimee Myller inizia come ogni altro volo: con uno scossone.
Premo la nuca sul poggiatesta di pelle, con gli occhi chiusi mentre il jet privato decolla. La salita procede liscia, ma il mio stomaco rimane serrato, come sempre durante i decolli. Tengo gli occhi chiusi per un po’, anche dopo che l’aereo ha raggiunto la quota. Quando li riapro, sorrido. Appeso sopra il sedile di fronte a me, all’interno di una custodia protettiva color crema, c’è l’abito da sposa più bello del mondo.
Il mio abito.
La cosa mi stupisce, considerati i miei lineamenti maschili. Lo indosserò esattamente tra una settimana. Il matrimonio avrà luogo presso lo splendido ranch del mio fidanzato Chris in Brasile, dove sono diretta proprio ora. Ho già fatto questo volo in numerose circostanze, ma è la prima volta che viaggio con il jet privato a sei posti senza di lui, e mi sembra vuoto. La prossima volta che salirò a bordo di questo aereo, il mio cognome sarà Moore, Mrs Moore. Affondo di più nel mio sedile, godendomi la sensazione della pelle liscia sulla mia. Questa sera il vuoto dell’areo è accentuato dalla mancanza degli assistenti di volo.
Non me la sono sentita di chiedere a Kyra, l’assistente di volo di Chris, di lavorare. Sua figlia compie tre anni oggi, e le ha organizzato una festa. Non c’è ragione per la quale debba essere lei a pagare la mia decisione di tornare al ranch stasera anziché domani in modo da poter supervisionare i preparativi. 
Il povero pilota, Tristan, non è stato altrettanto fortunato: ha dovuto rinunciare a quella che sarebbe dovuta essere la sua serata libera. Ma mi perdonerà. Ho scoperto che le persone sono disposte a perdonare molte cose, troppe a mio parere, davanti a una futura sposa. Dovrò trovare un modo per farmi perdonare da lui. Forse gli comprerò qualcosa che potrebbe piacergli, in segno di gratitudine. Potrebbe essere una sfida, visto che non conosco bene Tristan, anche se lavora per Chris da qualche anno. Tristan è un tipo molto sulle sue.
Mi sono molto avvicinata a Kyra, che è fuori di sé dalla gioia ogni volta che viaggio su questo aereo. Ho il sospetto che Chris e i suoi soci in affari non siano così divertenti come possono esserlo gli infiniti discorsi sul matrimonio. Tutto quello che sono riuscita a ottenere da Tristan, invece, è farmi chiamare per nome e scambiare qualche battuta ogni tanto.
Tre ore dopo il decollo, la voce di Tristan risuona attraverso gli altoparlanti. «Sembra che ci saranno più turbolenze del solito questa sera. Sarà più sicuro se non lasci il tuo posto per la prossima ora. E tieni la cintura allacciata.»
«Capito» dico, ma poi mi ricordo che non può sentirmi. L’aereo comincia a sobbalzare vigorosamente subito dopo, ma non mi preoccupo troppo. Tristan Bress è un pilota eccellente, anche se ha solo ventotto anni, appena due più di me. Ho fatto questo volo abbastanza spesso. Sono quasi abituata alle occasionali turbolenze. Quasi.
Sollevo la tendina del finestrino e vedo che stiamo sorvolando la foresta pluviale amazzonica. La massa di verde sotto è così vasta che mi fa venire la pelle d’oca. Deglutisco. Anche se non sono spaventata, le turbolenze continue mi fanno effetto. Una spiacevole sensazione di nausea si fa spazio in fondo alla gola e il mio stomaco si ribella, sobbalzando a ogni movimento brusco dell’aereo. Controllo che sul sedile di fronte al mio ci sia il sacchetto per il vomito. È lì.
Stringo l’orlo della mia camicetta bianca con entrambe le mani, nel tentativo di calmarmi. Non funziona; le mie dita sono serrate. Metto le mani nelle tasche dei jeans e cerco di concentrarmi sul matrimonio. Questo mi fa sorridere. Sarà tutto perfetto. Be’, quasi tutto. Vorrei che i miei genitori potessero essere con me, ma li ho persi entrambi otto anni fa, poco prima dell’inizio del college. Chiudo gli occhi, cercando di respingere la nausea. Dopo qualche minuto sembra funzionare. Anche se le condizioni del volo non sembrano migliorare, la mia ansia allenta un po’.
E poi un tipo di ansia completamente nuova s’impossessa di me.
L’aereo inizia a perdere quota. I miei occhi si spalancano. Proprio in quel momento, la voce di Tristan riempie la cabina. «Devo scendere a una quota più bassa. Torneremo su il prima possibile. Non hai nulla di cui preoccuparti.»
Una sensazione di disagio comincia a farsi strada dentro di me. Tutto questo non è mai successo prima. Tuttavia, ho piena fiducia nelle capacità di Tristan. Non c’è motivo di preoccuparsi, quindi faccio del mio meglio per non farlo. Fino a quando sento un rumore assordante provenire dall’esterno. Volto di scatto la testa in quella direzione. All’inizio non vedo altro che il mio riflesso nel finestrino: occhi verdi e capelli castano chiaro, lunghi sino alle spalle. Poi premo la fronte contro il vetro. Quello che vedo fuori mi gela l’aria nei polmoni. Nel buio del crepuscolo, il fumo forma delle nuvole nere davanti al mio finestrino.
Del fumo nero viene fuori dall’unico motore dell’aereo.
«Aimee,» dice la voce calma di Tristan, «vorrei che ti piegassi in avanti e ti abbracciassi le ginocchia. Subito.» Il tono misurato con il quale pronuncia ogni singola parola mi terrorizza più di qualsiasi altra cosa. «Abbiamo perso il motore e sto iniziando le procedure per un atterraggio di emergenza.»
Ho appena il tempo di lasciarmi prendere dal panico, figuriamoci di muovermi, quando l’aereo fa un tale scossone che sbatto la testa sul finestrino. Un forte dolore mi trafigge la tempia e un grido mi sfugge dal profondo della gola. Segue un dolore più acuto. Penetrante. Intenso.
Il mio corpo sembra essersi mosso in autonomia, perché mi ritrovo piegata, abbracciata alle mie ginocchia. Pensieri orribili si fanno strada nella mia mente. Atterraggio di emergenza. Qual è la percentuale di riuscita di un atterraggio d’emergenza? Il mio cuore batte così freneticamente e l’aereo scende in modo così rapido, che è impossibile immaginare quanto sia in alto. Un altro pensiero mi attanaglia. Dove atterreremo? L’ultima volta che ho guardato fuori eravamo sopra la foresta pluviale. Non possiamo essere molto lontani da lì. I palmi delle mani mi sudano e stringo i denti mentre l’aereo s’inclina, facendomi sentire come se fossi strappata via dal mio sedile e spinta in avanti.
La tentazione di sollevare la testa per guardare fuori è soffocante. Voglio sapere dove siamo, quando arriverà l’inevitabile impatto. Ma non posso muovermi, non importa quanto ci possa provare. Non sono sicura se sia la posizione dell’aereo o la paura a farmi stare giù. Giro la testa di lato, di fronte al corridoio. La vista della custodia protettiva con l’abito all’interno per terra mi fa dimenticare la paura per un momento, lasciando affiorare un pensiero. Chris. Il mio meraviglioso fidanzato, che conosco da quando ero una bambina e con il
quale sono praticamente cresciuta. Con i suoi rotondi occhi azzurri e i biondi
ricci ostinati, sembra ancora un ragazzo, anche se ha ventisette anni e indossa
abiti costosi.
Sto pensando a lui quando avviene l’impatto.


martedì 25 giugno 2019

Review Party "Un dolce malinteso" di Lidia Ottelli



Titolo: Un dolce malinteso

Autore: Lidia Ottelli

Editore: Newton Compton Editori

Prezzo ebook: 1,99 euro

Prezzo ebook: 9,90 euro

undefined

La notte di Capodanno è da sempre considerata magica e sono molte le persone che aspettano il nuovo anno per rivoluzionare la propria vita. Scoprire di essere incinta non era esattamente nei piani di Clarissa, ma quando nove mesi dopo nasce una bambina la sua vita ordinaria viene completamente messa sottosopra. E così, per mantenersi, comincia a lavorare nella pasticceria della madre, che sembra avere l’unico desiderio di vederla sposata con qualcuno dei suoi clienti. Ma Clarissa è di tutt’altra idea. Per lei, ora, la priorità è prendersi cura di sua figlia, e di sicuro non ha tempo per gli uomini! Si è rassegnata all’idea di una vita senza amore e vuole proteggersi dalle delusioni. Il destino, però, sembra pensarla diversamente. È solo questione di tempo, infatti, prima che dalla porta della pasticceria si faccia avanti la persona giusta. E se invece fossero due? Proprio quando Clarissa aveva deciso di arrendersi a una vita di solitudine, Luca e Federico si contenderanno il suo cuore…

Un pizzico di ironia, tanta passione e colpi di scena a non finire






















Buongiorno a tutte, oggi il blog partecipa al review party di "Un dolce malinteso" di Lidia Ottelli, in uscita proprio oggi grazie alla Newton Compton.
Dopo due anni finalmente torna nelle librerie italiane la Ottelli, l'unica scrittrice di romanzi rosa pieni di humor che riesco a leggere.
Un dolce malinteso è il suo nuovo romanzo e protagonista di questa storia è Clarissa, una ragazza alla buona,che durante una festa di Capodanno si imbatte nel ragazzo che le piace e ci finisce a letto.Questo breve incontro le lascia una sorpresa: rimane incinta. La ship da sempre sognata da Clarissa però non avrà il suo lieto fine. 
Nove mesi dopo Clarissa è la mamma di una bellissima bambina, Maia.
Cinque anni dopo Clarissa si ritrova a lavorare nel bar-pasticceria di sua madre, DolceIncanto.
Lei avrebbe voluto fare altro, ma per motivi economici e per non far mancare nulla alla sua piccolina, si sacrifica.
Inoltre deve sempre sentire sua madre che la rompe dicendo di conoscere qualche cliente come potenziale marito.
La nostra Clarissa non è molto convinta, perchè chi mai potrebbe aprire la porta di una pasticceria?
Ed è qui che si sbaglia la nostra protagonista, perchè a DolceIncanto arrivano, non uno, ma due uomini che le cambieranno la vita per sempre, ovvero Luca e Federico.


Due  uomini diversi, ma entrambi belli e intelligenti, che conquisteranno la cara, e a volte goffa, Clarissa.
Solo uno dei due però avrà la meglio sul suo cuore. Chi sarà? Io ho tifato fin da subito Federico, avrò visto bene? Clarissa sceglierà lui? O Luca?
Non vi resta che leggere questa scoppiettante storia, piena di risate, ma anche momenti seri e belli, come quelli tra mamma e figlia.


Lidia Ottelli, come vi ho detto prima, è l'unica che mi avvicina a questo genere di storie con humor, e se ciò accade vuol dire che merita davvero tanto.
Il suo stile è giovanile, divertente. Riesce a narrare le storie senza incongruenze e senza errori.
Un dolce malinteso è una storia divertente, scorrevole, perfetta da leggere sotto l'ombrellone, ma da avere assolutamente in libreria in attesa di una fantastica rilettura.
Lidia è un'autrice e una blogger. Ho collaborato diverse volte con lei sul blog, ma prima di tutto l'ho conosciuta come autrice e per me sarà sempre Lidia, la scrittrice e  non vedo l'ora di leggere altro di suo!
Grazie per averci incantato dolcemente con Un dolce malinteso, Clarissa, sua sorella, sua madre, Fede e Luca, ma più di tutti con la piccola Maia!
Alla prossima!





lunedì 24 giugno 2019

Presentazione "Hannah" di Cinzia La Commare






Titolo: Hannah

Autore: Cinzia La Commare

Editore: Self Publishing

Prezzo ebook: 0,99 euro (in pre-order su Amazon)

Prezzo cartaceo: ???

Data d'uscita:  29 Giugno 2019

Data d'uscita:  Kaelen #2

“Non avrei mai scordato cosa mi aveva fatto, ma neanche fino a che punto lo avevo amato”

 A volte scappare non basta.
 Ad Hannah è stata data l’opportunità per fuggire, Kaelan l’ha lasciata andare, ma la voce dell’uomo che ha amato sembra seguirla dovunque vada. 
Lei non riesce a dimenticarlo, e sebbene lo voglia non è capace di spezzare quel legame che ancora sente nei confronti di chi ha portato tanto dolore nella sua vita.
 Il terrore, la distanza, la sicurezza che vorrebbe darle Roy, un coetaneo conosciuto nel periodo più orribile della sua esistenza, ad Hannah non bastano per dimenticare Kaelan. 
A volte l’unica cosa che puoi fare è tornare.




giovedì 20 giugno 2019

Review Party "Lei " di Meghan March




Titolo: Lei-Principessa di ferro

Autore: Meghan March

Editore: SEM

Prezzo ebook: 9,99 euro

Prezzo ebook: 14,00 euro

Serie:  Trilogia del peccato #2






I Riscoff avranno anche il controllo della città, ma io sono stanca di sottostare alle loro regole. 
Se solo riuscissi a resistere a Lincoln Riscoff e a non cadere ancora una volta nel suo incantesimo...
Sono tornata qui a Gable in cerca di pace, ma i problemi sembrano inseguirmi. Quell’uomo mi ha rubato il cuore dieci anni fa, e non me l’ha più restituito. 
Insieme potremmo far ragionare le nostre famiglie, immaginare il nostro futuro. Anche se tenere a bada uno come Lincoln è come seguire di soppiatto un puma nella boscaglia, tirargli la coda e poi scappare sperando che non ti morda. Una cosa stupida, una follia. Ma così inebriante.
Il mio buonsenso me l’ha sempre detto: stai lontana da lui. Io però non riesco a rispettare il divieto.

Eccomi di nuovo, questa volta con Lei, secondo volume della trilogia del peccato di Meghan March. La storia prosegue dalla fine di Lui (qui recensione) e ritroviamo i nostri protagonisti che si trovano difronte ad un grosso problema e devono risolverlo.
Lincoln nonostante ami Whitney, continua a fare sempre lo stesso errore.
Lui giunge fin troppo presto alla conclusione, senza accettarsi che sia vera o meno.
E' per questo motivo che Whitney si allontana da lui, non sopporta che l'uomo che ama non abbia fiducia in lei.


In questo secondo volume, Whitney sembra una donna sconfitta, si arrende all'idea che Lincoln farà sempre ciò che gli viene detto da sua madre. Lei è una Gable e non può fare molto contro i Riscoff, anche per non ostacolare la vita di sua zia e sua cugina.
Anche in questo volume la narrazione è alterna tra passato e presente, molte domande che ci siamo fatte durante la lettura di Lui avranno risposta, ma nel frattempo ce ne saranno molte altre, che spero scopriremo in Loro. 
In questo volume scopriamo ciò che lega le due famiglie, in particolar modo il padre di Lincoln e i genitori di Whitney.
Meghan March in questo volume si è superata, se credevo che con Lui avesse dato il meglio di se, mi sbagliavo.
Lei-Principessa di ferro è un insieme di eros e pathos, suspense e tante imprecazioni per il finale.
All'undici luglio per fortuna non manca molto, e finalmente potremo conoscere cosa ne sarà di Lincoln e Whitney.

"Non può essere tornata per intascarsi una fetta della fortuna dei Riscoff. Avrebbe potuto ottenerla tempo fa, e invece aveva messo in chiaro di non volerne sapere più niente di me o dei miei soldi. Anzi, lei è stata l’unica a volermi nonostante il mio cognome e i miei soldi."
(Tratto dal romanzo)


Review Party "Lo zingaro" di Jane Harvey-Berrick



Titolo: Lo zingaro

Autore: Jane Harvey-Berrick

Editore: Delrai Edizioni

Prezzo ebook: 5,99 euro

Prezzo cartaceo: 16,50 euro

Serie: The Traveling Series #4




Vuoto dentro, il cuore gelido, Zef si rivolgeva a whiskey e droghe per riempire il vuoto che provava. Ora, invece, dopo una condanna e la detenzione, una nuova determinazione cresce dentro di lui: vuole fare qualcosa della sua vita. Da quando è uscito di prigione, ha trovato il suo posto in un circo itinerante e lavora come motociclista acrobatico. Vive all’insegna della velocità, vive intensamente e non rimane mai fermo troppo a lungo nello stesso posto. Non vuole essere legato a qualcuno o qualcosa. Leale e orgoglioso, le uniche persone di cui si preoccupa sono suo fratello e la sua famiglia circense. Fino a quando una ragazza entra nella sua vita, scappata dal passato per rifugiarsi al circo, e il suo mondo all’improvviso cambia. Zef deve scegliere chi vuole essere davvero e ha davanti a sé una nuova strada, quella dell’amore. Una storia autoconclusiva della serie Traveling, che ha saputo emozionare con i suoi protagonisti molti lettori in tutto il mondo, ricordandoci che il diverso non fa paura se a muoverci sono umanità e sensibilità.
La vita del circo non è per tutti e se c’è una cosa che ho imparato è che siamo tutti diversi e belli a modo nostro. Puoi essere un nerd, un tipo strano, un diverso, puoi giocare nella squadra dell’università o essere uno studente laureato con lode. Tutti sono sullo stesso piano dal punto di vista di un circense. Non importa se hai un passato come il mio; ciò che davvero importa è quello che sei nel presente.
Buongiorno a tutte, oggi vi parlo di Lo zingaro di Jane Harvey Berrick, capitolo conclusivo della Traveling series.
Iniziata con Il viandante e La viandante e proseguita con Il nomade, è giunta l'ora di salutare i nostri amici circensi e questo mi rende triste perchè mi mancheranno.
Protagonista di questo ultimo volume è Zef, il nostro caro stuntman.
Lui ha alle spalle brutte esperienze. 
Ha passato del tempo in prigione, e per questo una volta uscito vuole riscattarsi e vivere dove più gli piace. Si aggiunge al circo del nostro Kes, e tra lui, Aimee e il resto della truppa trova finalmente una famiglia che lo accetta per quello che è.
Sara è la nostra protagonista femminile e facciamo la sua conoscenza in modo strano.
Non vi dico come, perchè vi tocca leggerlo e sorprendervi come è successo a me.
Sara ha 14 anni in meno rispetto a Zef, a me piacciono un sacco le storie con la differenza d'età e questa non è da meno.
Finalmente conosciamo per bene Zef, l'uomo silenzioso e sempre sulle sue dei volumi precedenti. 


"Chi avrebbe detto che sarei impazzito per una ragazzina impertinente?"
(Tratto dal romanzo)

Sara e Zef sono molto diversi tra loro, ma si sa che gli opposti si attraggono. Zef, nonostante sia silenzioso, è abbastanza burbero e viene calmato dalla dolcezza di Sara. Lei è una clandestina in fuga e unirsi a loro è la fuga migliore. La nostra protagonista nasconde un segreto e sono rimasta con l'ansia fino alla fine.
Jane Harvey-Berrick è una grandissima donna. Amo le sue storie ricche di magia e amore. Perchè è questo il circo: magia.
Ragazzi da soli che si conoscono e formano una famiglia non di sangue, ma con legami più forti.
La storia di Zef e Sara tra le tre coppie protagoniste è la mia preferita. Ho amato il cambiamento di Zef grazie all'amore di Sara, e la crescita di Sara.
Se amate le storie d'amore particolari, ovvero senza il solito maschio alfa ricco, la Traveling series fa per voi. 





martedì 18 giugno 2019

Review Party "L'amore che mi allontana da te" di Carmen Bruni



Titolo: L'amore che mi allontana da te

Autore: Carmen Bruni

Editore: Amazon Publishing

Prezzo ebook: 3,99 euro

Prezzo cartaceo: 9,99 euro



L’amore infrange ogni barriera, reale o immaginaria
Leah e Cole Astori sono cresciuti insieme nella stessa famiglia, ma non hanno legami di sangue. Leah è la sorella più piccola, sbocciata in una bellissima e attraente ragazza. Cole è stato adottato quando era bambino e ha sempre cercato di rendere orgogliosi i suoi nuovi familiari. I due giovani lavorano insieme al Paradise Resort di Miami, la grande impresa di casa Astori, e custodiscono uno scottante segreto: Leah è segretamente innamorata di Cole, fin da quando era una ragazzina; Cole è segretamente innamorato di Leah, ma è terrorizzato al pensiero di poter rovinare la famiglia.
Tra situazioni imbarazzanti, allusioni neanche tanto velate e un’incredibile attrazione reciproca, quanto potranno resistere i due giovani alla forza inarrestabile dell’amore e della passione? E se segreti ancora più oscuri, celati nel profondo delle loro anime, rischiassero di rovinare tutto?
Dopo le difficili vicende di L’amore che mi porta a te, un nuovo capitolo della saga degli Astori: un soffio di felicità e leggerezza – pur con qualche nota dolceamara – nella delicata storia della famiglia italoamericana.
Buongiorno a tutte,oggi vi parlo di L'amore che mi allontana da te, secondo volume della serie di autoconclusivi, Le distanze dell'amore, Il primo volume della serie, L'amore che mi porta a te , ha visto come protagonisti Damian, il fratello maggiore, e Juliette. 
Ora è giunta l'ora di scoprire di più su gli altri due componenti della famiglia Astori, Leah e Cole. 
Non vi preoccupate, non c'è nessun incesto, perchè Cole è  fratello di Leah e Damian, ma non con un legame di sangue, infatti lui fu adottato quando era piccolo.




Ho aspettato questo momento da quando ho chiuso il primo libro.
 Cole e Leah, già in L'amore che mi porta a te, ci avevano dato un'anteprima di quello che sarebbe stata la loro storia, ovvero tanta sofferenza, perchè nonostante il grande amore che li lega, non possono stare insieme. Non possono stare insieme perchè sulla carta risultano fratelli, non possono stare insieme per i pregiudizi e per ciò che penserebbe la gente.
Cole, dopo esser stato via per tre mesi per dimenticarsi della piccola Leah, torna al Resort, anche per non lasciare tutto il lavoro a Damian. Lui pensa che la sua fosse solo una fase, ma appena incrocia lo sguardo di Lea, capisce di non aver capito nulla e che ama quella ragazza da sempre.
Leah, dal canto suo, spronata da una donna che avevamo odiato nel primo volume, ma che si è rivelata essere un'ottima amica (parlo di Irene ovviamente e Carmen inizia a scrivere di lei e M!), decide di rischiare e conquistare il suo Cole.

"Ho la sensazione che le persone non mi vedano mai abbastanza, o forse ho solo paura di non essere visto, non lo so di preciso. (…) E sono il primo che lascia andare. Sempre. Farlo mi fa sentire forte. Se recido prima io, nessuno può cogliermi di sorpresa."
(Tratto dal romanzo)

Quanto ho sofferto leggendo questa storia, non potete capire! L'autrice si è dovuta subire i miei scleri in chat e sicuramente mi avrà odiata profondamente.
Però sa che amo la sua scrittura, e ogni volta mi lascia sempre più soddisfatta e senza parole.
Carmen, che con la sua dolcezza, ci fa capire che le cose impossibili sono possibili, non bisogna arrendersi e lottare anche con i denti per ottenere quello che si vuole.
Sono affezionata in particolar modo ad una sua storia (Carmen tu sai), ma Cole e Leah mi hanno dato una lezione di vita, e li adoro nonostante le loro imperfezioni.
Questa serie è un insieme di emozioni imperdibili se amate soffrire e sognare allo stesso tempo!
Per salutarvi vi lascio uno dei miei pezzi preferiti del romanzo. Alla prossima!


«Perché non fai quello che vorresti?» 
 «Perché quello che voglio è sbagliato.»
«Spesso ciò che è giusto e ciò che è sbagliato è molto soggettivo.»

«No. Non in questo caso.»
(Tratto dal romanzo)








Recensione "Tu, il mio oceano" di Benedetta Cipriano





Titolo: Tu, il mio oceano

Autore: Benedetta Cipriano

Editore: Self publishing

Genere: Contemporary romance

Prezzo ebook: 2,99 euro

Data d'uscita:  28 Maggio 2019



Savannah


Nei miei occhi c’è il riflesso sbiadito di una lacrima distrutta, ma lui riesce a vederci sconfinati prati verdi.
Il mio cuore è deteriorato dall’unica ferita che, ancora sanguinante, mi ricorda il primo pianto nel quale sono affogata. 
Lui, però, con il suo sguardo più nero di una notte senza stelle, assorbe il mio dolore, lo anestetizza e lo porta via con sé.
La maschera dietro la quale nascondo le mie ferite mi permette di sorridere, ma nei miei sogni si cela un desiderio di rinascita.
Sogno di perdermi nel vento, sogno di scappare via, lontana dai ricordi, lontana da me stessa.
Lui mi abbraccia fino a sfiorarmi l’anima: i suoi sono abbracci senza parole, gesti muti, silenziosi, nei quali riesco a scorgere il riflesso invisibile del suo tormento.
Non ho idea di cosa lo distrugga.
Non ho idea di quale sia il dolore che porta nel petto, ma so che insieme condividiamo una ferita.
Le nostre ferite sono impercettibili a occhio nudo, ma sono ciò che ci unisce.
Lui si chiama Dante e no, non è il mio uomo, ma è l’unico in grado di mettere insieme i pezzi del mio cuore.
La sua anima è cupa, esattamente quanto lo sono i suoi occhi neri.
Vorrei stringerlo forte a me fino a toccare il peso che porta dentro, ma non posso farlo: quell’anima è stata già donata a qualcuno, e quel qualcuno non sono io.
Quel qualcuno è l’oceano.

Dante

Non chiedermi chi sono. Potrei dirti che sono un surfista, che l’oceano è il mio posto sicuro e che tra le onde lascio andare parte di me stesso.
Potrei raccontarti della scintilla che si accende in me quando mi ritrovo a vincere contro quello stesso oceano, a domare le sue onde come se fossi l’unico in grado di tenere a bada quell’immensa distesa d’acqua.
Potrei raccontarti tutto questo, ma sono sicuro che non scopriresti altro.
Nei miei ricordi ci sono le note spezzate di un violoncello e un senso di colpa con il quale lotto ogni giorno.
Nel mio presente c’è lei, con i suoi occhi immensi, verdi e distrutti.
Con la sua ironia, dietro la quale cela le sue ferite.
Il suo profumo è intenso e delicato, quanto quello delle fresie.
I suoi capelli sono scuri più del cioccolato e i suoi sorrisi sono timidi, impauriti, appena accennati, nascosti.
Ma io l’ho sentita ridere. Ho visto la luce nel suo sguardo diradare la foschia dalla quale è perennemente avvolto.
Ho scorto la bellezza del suo cuore distrutto e me ne sono impossessato.
Lei però non è mia e non lo sarà mai.
C’è solo un posto a cui appartengo e a cui concedo tutto me stesso, e quel posto è il mio oceano.
Buongiorno a tutte, finalmente riesco a parlarvi di Tu, il mio oceano di Benedetta Cipriano, sequel/spin-off di Il mio oceano sei tu, dove abbiamo sofferto e amato con Lua e Maverick.
Questa volta è giunta l'ora di conoscere meglio Savannah e Dante, amici dei protagonisti di La luna nell'oceano e cosa  non è la loro storia.
Come consiglio voglio dirvi di iniziare questo libro con almeno un pacco di fazzoletti vicino a voi.
Benedetta ha questa capacità di distruggerci con poche parole, ma le sue storie sono poesia, sono armonia, sono amore.
Prima di leggere il primo volume di questa serie, non conoscevo l'autrice e mi sono sentita in colpa perchè ha talento e merita davvero tanto.
Ma torniamo a noi e parliamo di Dante e Savannah.


Chi ha letto La luna nell'oceano sa che i due iniziano ad avere un rapporto occasionale perchè molto attratti l'uno dall'altra. All'inizio della loro storia però sono semplici amici. Si decide di non continuare a sfogare la loro attrazione per non rimanere scottati. I due però, hanno un rapporto speciale. Sono legati da un filo invisibile che li porta uno nelle braccia dell'altro. 
Dante, maestro di surf con quegli occhi color petrolio, che ti conquista al primo sguardo.
Savannah, una dolce fioraia che ha vissuto le pene dell'inferno.
Entrambi portano un enorme segreto sulle loro spalle.
Entrambi hanno il cuore a pezzi.
Entrambi hanno paura di amare, ma la loro storia è già scritta dalle stelle.


Tra la coppia Maverick e Lua, e Dante e Savannah, preferisco gli ultimi due arrivati perchè, nonostante le ombre del passato, le sofferenze e la paura, si può tornare a respirare, si può abbandonare quello stato soffocante di apnea e tornare a cavalcare le onde, amando il mondo, amando la vita, amando l'amore.
Benedetta sa che la stimo, che amo il suo modo di scrivere dolce, ma allo stesso tempo letale. Le sue storie sono lezioni di vita, fanno soffrire si, ma ti insegnano ad apprezzare tutto, e a non tenere nulla dentro. I propri demoni bisogna sconfiggerli, proprio come fanno Dante e Savannah. Da soli si è forti, ma insieme si è imbattibili.
Benedetta ti ringrazio per avermi fatto versare lacrime, ma specialmente per avermi fatto sognare un'altra volta.